Nel presepe della neochiesa ci sono tutti, tranne Gesù Bambino

Il presepe nacque a Greccio nel 1223 perché san Francesco d’Assisi non riusciva a placare il desiderio di ridestare la meraviglia per Dio che si fa uomo, per ricordare che «oggi è nato per voi un Salvatore, Cristo, Signore»“.

Continua a leggere “Nel presepe della neochiesa ci sono tutti, tranne Gesù Bambino”

Dai viaggi apostolici per diffondere il Verbo alla spartizione sincretista della terra

«Lasceremo il Creatore per andare alle creature? Gesù basta: là dove Egli è, niente manca» (Charles de Focauld)

Continua a leggere “Dai viaggi apostolici per diffondere il Verbo alla spartizione sincretista della terra”

La desacralizzazione dell’Ultima Cena: dall’Eucaristia all’osteria

In questo brevissimo editoriale vogliamo riflettere, insieme a voi, su qualcosa di grave che sta avvenendo sotto i nostri occhi e che è sempre più chiara perché se il diavolo fa le pentole, non fa i coperchi!

Continua a leggere “La desacralizzazione dell’Ultima Cena: dall’Eucaristia all’osteria”

“Umanizzazione” dell’Eucaristia e la zuppa di mons. Zuppi

La mensa dei poveri nella cattedrale bolognese di San Petronio? Zuppa più succulenta per i nemici della Chiesa, per i nemici della Eucaristia, non poteva farsi, mons. Zuppi vince sicuramente il titolo di miglior Chef dell’anno, soprattutto per aver usato l’ingrediente più prelibato: l’umanizzazione dell’Eucaristia, al demonio non si poteva fare piatto più succulento di questo.

Continua a leggere ““Umanizzazione” dell’Eucaristia e la zuppa di mons. Zuppi”

Cari pastori, la mensa dei poveri non è la Mensa della Presenza Reale

La nuova “falsa” chiesa ribalta il senso del servizio ai poveri: “Erano perseveranti nell’insegnamento degli apostoli e nella comunione, nello spezzare il pane e nelle preghiere. Un senso di timore era in tutti, e prodigi e segni avvenivano per opera degli apostoli…”(At.2,42-47) e si legga anche Atti 4,32-37.

Continua a leggere “Cari pastori, la mensa dei poveri non è la Mensa della Presenza Reale”

8×1000: a chi darlo? Lettera aperta ai Vescovi e ai Sacerdoti

Prendiamo spunto dalla accurata analisi, la più equilibrata per noi, dalla tastiera di Rino Cammilleri da La Nuova-Bussola-Quotidiana, clicca qui, per dire la nostra in modo forse anche provocatorio, tuttavia pur sempre una voce “dentro” la Chiesa e che, se permettete cari Vescovi e cari Sacerdoti, diciamo anche un poco dalle tasche nostre perché, se è vero che si tratta di un concordato con lo Stato, questi soldi non escono dal nulla, ma dalle nostre tasse, sempre più esose… delle quali ve ne fregate.

Continua a leggere “8×1000: a chi darlo? Lettera aperta ai Vescovi e ai Sacerdoti”

Perché un papa senza castello non aiuta i poveri

Bergoglio ha deciso: la “sua” residenza estiva diventerà un museo. Scelta controproducente.

Continua a leggere “Perché un papa senza castello non aiuta i poveri”

“Dio non è cattolico, ma forse neppure papa Francesco lo è”

Camillo Langone intervista il prof. Flavio Cuniberto: “Bergoglio non ha aggiornato la dottrina, l’ha demolita”.

Continua a leggere ““Dio non è cattolico, ma forse neppure papa Francesco lo è””

Benvenuti i ricchi. Francesco li accoglie a braccia spalancate

E ne riceve laute elargizioni. Nome per nome, tutti i magnati della finanza e della tecnocrazia ai quali il papa ha dato udienza quest’anno.

Continua a leggere “Benvenuti i ricchi. Francesco li accoglie a braccia spalancate”

I “poveri” siamo noi: la cattolicità superstite…

Mi segnalano una recente notizia pubblicata da La Stampa, che presenta il frutto dell’impegno congiunto del portavoce diretto di papa Bergoglio, Andrea Tornielli, e del suo collega vaticanista Giacomo Galeazzi [qui].

Continua a leggere “I “poveri” siamo noi: la cattolicità superstite…”