Il rapporto vaticano su MacCarrick: Excusatio non petita, accusatio manifesta

La Sala Stampa della Santa Sede replicò alla Testimonianza di mons. Carlo Maria Viganò sullo scandalo MacCarrick affermando che nel rapporto finale non se sarebbe parlato, perché si trattava della presa di posizione di un uomo livoroso che volle vendicarsi di Papa Francesco per non avergli dato la berretta cardinalizia. Eppure nel rapporto pubblicato ieri, il Vaticano, più che attestare la colpevolezza evidente dell’ex porporato americano, si affanna a cercare di dimostrare che il comportamento di Papa Francesco fu impeccabile, addossando la colpe delle continue malefatte di MacCarrick niente mento che a mons. Viganò! Excusatio non petita, accusatio manifesta (scuse non richieste, accuse manifeste): diceva gli antichi latini. Il fatto che la Testimonianza di mons. Viganò non sia stata ignorata e che addirittura alla Santa Sede stanno cercando di far ricadere le colpe su di lui, è la prova della veridicità di tale Testimonianza. Pertanto pubblichiamo la prima replica di mons. Viganò a queste ignobili accuse, inoltre la ricostruzione e l’editoriale de La Nuova BQ, affinché ci possa rendere conto ancora di più della situazione disastrosa della Gerarchia che attualmente governa la Santa Madre Chiesa.

Continua a leggere “Il rapporto vaticano su MacCarrick: Excusatio non petita, accusatio manifesta”

La lettera mai spedita di mons. Viganò a papa Francesco

È uscito in questi giorni il libro Nell’ora della prova. “Volete andarvene anche voi?” (Chorabooks, 36,39€, ebook 9,99€) che raccoglie tutti gli scritti di mons. Carlo Maria Viganò dallo scandalo McCarrick agli ultimi mesi. Il quotidiano La Verità e l’ex vaticanista Aldo Maria Valli (curatore del libro) hanno pubblicato una lettera inedita del marzo del 2019 che mons. Viganò scrisse a Papa Francesco ma che poi decise di non inviare. Ecco il testo.

Continua a leggere “La lettera mai spedita di mons. Viganò a papa Francesco”

Da quando i papi ricorrono alle interviste per sensibilizzare l’opinione pubblica?

Francesco usa i mass-media per sondare il popolo cristiano sui cambiamenti che vuole imporre con la prassi.

Continua a leggere “Da quando i papi ricorrono alle interviste per sensibilizzare l’opinione pubblica?”

D’Ercole, un’altra vittima della misericordia

Il fumo di Satana

Mons. Giovanni D’Ercole ha annunciato ieri le dimissioni da vescovo di Ascoli Piceno e si ritirerà per un periodo imprecisato in un monastero in Africa. Decisione “difficile e sofferta”, presa per amore della Chiesa dopo aver subito forti pressioni dalla Santa Sede. La sua colpa? Aver difeso la libertà della Chiesa durante il lockdown.


View original post 1.012 altre parole

Mons. Aguer: Già da cardinale Bergoglio voleva le unioni civili

Il vescovo argentino Aguer racconta alla Bussola un aneddoto che spiega la frase di Papa Francesco «mi sono battuto per questo» nel corso dell’intervista sulle unioni civili per i gay: «Nel 2010 noi vescovi argentini prendemmo una posizione sul matrimonio egualitario voluto dal govenro Kirchner. Bergoglio propose di regolamentare con le unioni civili, ma ci opponemmo e votammo contro la sua proposta». Secondo il vescovo emerto di La Plata è un’opinione radicata nel pensiero di Bergoglio, ma «non può essere magistero e accettarla per papolatria non è sano per un cattolico».

Continua a leggere “Mons. Aguer: Già da cardinale Bergoglio voleva le unioni civili”

Mons. Schneider: La “Fratelli tutti” sacrifica il nuovo Adamo per il vecchio

Abbiamo tradotto quest’ottima intervista che S. E. mons. Athanasius Schneider, vescovo ausiliare di Astana, Kazakistan, ha rilasciato al giornale americano The Remnent sull’enciclica Fratelli tutti di Papa Francesco.

Continua a leggere “Mons. Schneider: La “Fratelli tutti” sacrifica il nuovo Adamo per il vecchio”

Cardinali contro cardinali. Che succede nel Vaticano di Francesco?

Aldo Maria Valli analizza ciò che sta succedendo in Vaticano in questa video intervista a Vox Italia TV. “Esiste sconcerto fra i cristiani per alcune scelte di Papa Francesco francamente poco comprensibili. A partire dalla decisione di non concedere udienza al cardinale Zen”.

Continua a leggere “Cardinali contro cardinali. Che succede nel Vaticano di Francesco?”

Cina: vescovo messo in condizione di andarsene. Ecco i frutti dell’accordo Vaticano-Partito comunista cinese

Sottoponiamo alla vostra attenzione il comunicato con cui il vescovo cinese mons. Guo Xijin si congeda dalla sua diocesi. È l’ennesima prova che l’accordo segreto Vaticano-Partito comunista cinese è persecutorio verso i cattolici che vogliono rimanere fedeli alla fede battesimale. È paradossale che i battezzati cinesi che rimangono fedeli a Roma vengano perseguitati dalla Santa Sede. Ciò che il regime comunista cinese non è riuscito a fare negli ultimi 60 anni, sta accadendo sotto il governo di questo Papa, il quale, si sa, preferisce i pastori che puzzano di pecore (rosse) anziché quelli che emanano il buon odore di Cristo.

Continua a leggere “Cina: vescovo messo in condizione di andarsene. Ecco i frutti dell’accordo Vaticano-Partito comunista cinese”

Sovieticae sollicitudinis: Becciu colpito dalla “misericordia sovietica”

Francesco ha “liquidato” uno dei suoi più stretti collaboratori, Giovanni Angelo Becciu, travolto da uno scandalo economico e finanziario. Scrive ironicamente il mitico mons. Euleterio Favella nel nel suo profilo Facebook che il card. Becciu «in osservanza del Motu proprio “Sovieticae sollicitudinis”, è partito stamane per andare a curarsi in Siberia».

Continua a leggere “Sovieticae sollicitudinis: Becciu colpito dalla “misericordia sovietica””

Adesso il Papa si piega all’UE e scoppia la rivolta dei fedeli

Il Vaticano si è unito all’Europa in nome del “migrazionismo”. Ma ci sono molti fedeli che non ci stanno.

Continua a leggere “Adesso il Papa si piega all’UE e scoppia la rivolta dei fedeli”