La “Chiesa diversa” di papa Francesco. La “peste nera” si diffonde…

È impossibile capire il pontificato di Francesco, nonché il suo progetto di “Chiesa diversa” (parole da egli stesso dette il 9 ottobre e che approfondiremo in quest’articolo), senza comprendere la mentalità dell’uomo e del gesuita Jorge Mario Bergoglio, la cui matrice è intrinsecamente moderna, perciò – purtroppo per lui e per tutti i battezzati – modernista.

San Pio X (1903-1914), il papa profeta, durante gli ultimi anni del suo pontificato, osserverò che se i suoi immediati successori non avessero attentamente vigilato e severamente corretto, il modernismo – che lui aveva smascherato con la Pascendi – avrebbe rialzato la testa, mutando il suo aspetto, così, lentamente ma inesorabilmente, si sarebbe impossessato della stragrande maggioranza dei seminari e delle cattedre episcopali, se non addirittura arrivare alla cattedra più alta…

Purtroppo né Benedetto XV (1914-1922) né Pio XI (1922-1939) – “distratti” da eventi esterni che richiedevano tutta la loro attenzione (la prima guerra mondiale e l’avanzata dei regimi totalitari anticattolici) – non vigilarono, né tanto meno corressero come avrebbe dovuto fare, limitandosi a raccomandare ai vescovi che nei seminari si desse importanza al Giuramento antimodernista e all’insegnamento della filosofia tomista.

Il venerabile Pio XII (1939-1958), invece, dopo la fine della seconda guerra mondiale, si accorse che il modernismo aveva prepotentemente occupato seminari e cattedre episcopali – tramite la nouvelle theologie, che lui condannò con l’enciclica Humani generis – e cercò di porvi un freno, ma non efficacemente, purtroppo.

L’avanzata del neomodernismo

Fu così che si arrivò al Concilio Vaticano II, convocato e concluso da due papi, Giovanni XXIII e Paolo VI (canonizzati da papa Francesco), che erano, diciamo così, “simpatizzanti” dell’ala moderata della nouvelle theologie, cioè della corrente francese (rappresentata dal gesuita Henri de Lubac e dal domenicano Yves Congar).

Come giustamente ha fatto notare don Gino Oliosi, teologo ed esorcista, i documenti del Vaticano II non sono altro che un compromesso fra la teologia romana e la nouvelle theologie. Ma, si sa – aggiungiamo noi –, il compromesso è sempre più vicino all’errore che alla verità… Di conseguenza, nel post-Vaticano II, non poté che vincere l’ala radicale della nouvelle theologie, ovvero la corrente tedesca (capeggiate dal gesuita Karl Rahner).

Vivere il Vaticano II

Fra tutti gli ordini religiosi, ve ne fu uno, in particolare, che si “appropriò” della “missione” di applicare l’insegnamento – spirito e lettera sono le due facce della stessa medaglia – del Vaticano II: la Compagnia di Gesù; guidata dal 1965 al 1981 dal basco Pedro Arrupe, vero mentore di Jorge Mario Bergoglio.

Il papa regnante è cresciuto in una Compagnia impregnata del pensiero moderno e della mentalità modernista già da prima del suo ingresso (1958), che sì vide non condannata, ma persino “confermata” al 21° concilio ecumenico della Chiesa cattolica. Quella «peste nera che si estende», come egli stesso ha definito il suo Ordine, con soddisfazione e compiacimento. C’è dunque da meravigliarsi delle rotture teologiche, delle ambiguità dottrinali e dei gesti ecopastoralistirasentando l’idolatria – del suo pontificato? Sarebbe strano il contrario, invece.

Il 21° concilio ecumenico dunque «era entrato nel nostro modo di essere cristiani e di essere Chiesa e, nel corso della mia vita, le mie intuizioni, le mie percezioni e la mia spiritualità sono state generate naturalmente dai suggerimenti della dottrina del Vaticano II», perciò «non c’era tanto bisogno di citare i testi del Concilio», ha scritto lo stesso papa Francesco nella sua prefazione al libro Fraternità, segno dei tempi. Il magistero sociale di papa Francesco (Ed. LEV).

In fondo, il vero insegnamento del Vaticano II – al di là dei suoi documenti (i quali sono più programmatici che magisteriali in senso stretto) – consiste proprio nel primato della pastorale (della prassi) sulla Dottrina, nel primato dell’azione sulla contemplazione, nel primato del divenire sull’essere, nel primato della libertà umana sulla verità rivelata, nel primato dell’antropocentrismo sul teocentrismo, ecc… Insomma, fu un vero e proprio ribaltamento.

L’uomo, il gesuita e il papa sono un tutt’uno

La mentalità dell’uomo e del gesuita Jorge Mario Bergoglio – dunque di papa Francesco, perché egli vuole rimanere tale anche sul trono petrino – sono di matrice moderna, perciò – purtroppo per lui e per tutti i battezzati – modernista.

«È ormai assodato che le ascendenze culturali del Santo Padre affondano le loro radici nell’immanentismo, nello storicismo, nella fenomenologia etica, un approccio che accantona nella morale la metafisica e nella fede l’afflato trascendente», ha spiegato il filosofo del diritto Tommaso Scandroglio. «Insomma, una visione dell’uomo, del mondo e di Dio più orizzontale che verticale».

Avendo dunque una visione moderna/modernista di Dio, non si può che avere anche una visione diversa, anzi distorta, della Chiesa.

Si tratta della visione di una Chiesa umana, non divina, di un “sogno”, di un “progetto” che dev’essere realizzato, costi quel costi.

L’apertura del cammino sinodale che porterà al sinodo sulla sinodalità nel 2023 (un’altra trovata di questo Papa)[1] è un ulteriore passo in questa direzione.

«Ci sono molte resistenze a superare l’immagine di una Chiesa rigidamente distinta tra capi e subalterni, tra chi insegna e chi deve imparare, dimenticando che a Dio piace ribaltare[2] le posizioni…», ha detto papa Francesco in un discorso tenuto il 18 settembre alla Diocesi di Roma. Poi ha aggiunto qualcosa di altrettanto grave, ovvero che «la sinodalità esprime la natura della Chiesa la sua forma, il suo stile, la sua missione. E quindi parliamo di Chiesa sinodale, evitando, però, di considerare che sia un titolo tra altri, un modo di pensarla che preveda alternative. Non lo dico sulla base di un’opinione teologica, neanche come un pensiero personale, ma seguendo quello che possiamo considerare il primo e il più importante “manuale” di ecclesiologia, che è il libro degli Atti degli apostoli».

Non sappiamo quale versione degli Atti degli Apostoli abbia letto papa Francesco[3], ma questo è contrario a tutto ciò che la Chiesa, tramite concili ecumenici e 265 Romani Pontefici prima di quello regnate, ha decretato e insegnato infallibilmente.

Infatti «la Chiesa fondata da Gesù Cristo non è una Chiesa “sinodale”, ma una Chiesa gerarchica, che non ha bisogno di interrogarsi su sé stessa, né di avanzare verso l’ignoto, perché il Suo Fondatore le rivelato la sua missione e ne ha stabilito l’immutabile costituzione», ha spiegato magistralmente il prof. Roberto de Mattei.

Il vecchio desiderio (capriccio) della “Chiesa diversa (nuova)”

Ma papa Francesco non sembra interessato a ciò, convinto com’è che questo “cammino sinodale” sia voluto e guidato dallo Spirito Santo – dimentico o non curante del fatto che la Terza Persona non segue un suo “percorso”, ma procede dalla Prima e dalla Seconda Persona della Santissima Trinità –, come ha lasciato intendete nel discorso di apertura percorso sinodale lo scorso 9 ottobre.

Non a caso papa Francesco ha lanciato la «sfida», parole sue, di «una “Chiesa diversa”, aperta alla novità che Dio le vuole suggerire, invochiamo con più forza e frequenza lo Spirito e mettiamoci con umiltà in suo ascolto, camminando insieme, come Lui, creatore della comunione e della missione, desidera, cioè con docilità e coraggio».

Ribadendo – e citando – la “riforma” secondo Yves Congar: «”Non bisogna fare un’altra Chiesa, bisogna fare una Chiesa diversa[4]» (Vera e falsa riforma nella Chiesa, Milano 1994, 193).

Del resto, quello di modificare la Chiesa dal suo interno, è il solito vecchio progetto dei modernisti. «Fino ad oggi – aveva spiegato il “grande vecchio” del modernismo italiano, Ernesto Buonaiuti, – si è voluto riformare Roma senza Roma, o magari contro Roma. Bisogna riformare Roma con Roma; fare che la riforma passi attraverso le mani di coloro i quali devono essere riformati».

Pare proprio che il timore di San Pio X, forse addirittura “visto” da Leone XIII nella famosa visione del 13 ottobre 1884, dall’avvento di un papa modernista, si sia realizzato…


[1] Che sia questo il sinodo annunciato a Garabandal?

[2] Il grassetto è nostro.

[3] Del resto egli è molto abile a manipolare la Sacra Scrittura, come vediamo ogni giorno dalle sue omelie del mattino.

[4] Il corsivo è del sito della Santa Sede.

Un atto di accusa a papa Francesco e di amore alla Chiesa di S.E. mons. Carlo Maria Viganò

S.E. mons. Carlo Maria Viganò, già nunzio apostolico negli Stati Uniti, pubblica oggi un documento che costituisce un forte atto di accusa nei confronti di papa Francesco e, nello stesso tempo, di ardente amore alla Chiesa.

Continua a leggere “Un atto di accusa a papa Francesco e di amore alla Chiesa di S.E. mons. Carlo Maria Viganò”

Con Bergoglio ciò che è Bene diventa male e ciò che è Male diventa bene.

Dopo la stravagante uscita, di Papa Francesco, contro gli “aggettivi” per definire chi è e come deve essere un Cristiano, un Martire, la stessa Dottrina, o come non lo possa essere, vedi qui,  veniamo ora deliziati  dalle solite “interviste-confessioni” private (o lectio, sic!),  che egli solita elargire (troppo) abbondantemente e senza più alcun freno inibitore e remora, senza più prudenza, ai suoi “Compagni” Gesuiti nei vari viaggi apostolici come l’ultimo nel Madagascar.

Continua a leggere “Con Bergoglio ciò che è Bene diventa male e ciò che è Male diventa bene.”

Quale è il punto di rottura tra Bergoglio e i suoi Predecessori?

Il rischio è di pensare o parlare di Cristo come se egli fosse un individuo umano come siamo noi. Forse un giorno ci capiterà quello che san Girolamo racconta dei cristiani del IV secolo: ad un certo punto si svegliarono e scoprirono di pensare tutti più o meno come pensava Ario… svegliarsi ariani…

Con queste riflessioni ricordiamo a tutti i nostri Lettori che siamo anche noi in procinto di allentare gli editoriali per via del periodo estivo. Gli aggiornamenti andranno a rilento per poi riprendere in modo più costante dopo il 25 agosto. Ne approfittiamo per auspicare a tutti un periodo fruttuoso per sante letture, preghiera e arricchimento dello spirito.

Continua a leggere “Quale è il punto di rottura tra Bergoglio e i suoi Predecessori?”

Il progetto dell’«ecochiesa» parte da lontano

Ha creato gran sgomento
il nuovo sinodal strumento
Grande eretica fandonia
sbrodolando di Amazzonia

“Il cristianesimo è più bello
tra una danza e uno spinello”.
Con la religion novella
Convertivi anche Pannella!

Questo è colmo di follia,
la sinistra litania;
ormai il demone infernale
viene aggiunto nel rituale!

Già da tempo preparato
C’è l’attacco al celibato
“su, creiamo il precedente,
per finire basta un niente!”

Oh Gesù deh fino a quando
I fetusi andran cantando?
Di lor fine s’oda il tonfo
Giunga presto il tuo trionfo!

(Don Alfredo Maria Morselli – 21 giugno 2019)

Jorge Mario Bergoglio segue un progetto ben preciso: questo pontificato non è altro che un “Vaticano III” non ufficialmente convocato, il cui scopo è quello di aprire i processi che portino finalmente ad una nuova “Chiesa”. Uno degli ultimi processi è quello che porterà ad una specie di eco-chiesa, di cui l’Instrumentum Laboris del sinodo sull’Amazzonia è il grande manifesto.

Continua a leggere “Il progetto dell’«ecochiesa» parte da lontano”

E’ vero che a pensar male è peccato: ma spesso ci si azzecca!

«.. la Chiesa del Vangelo è strutturata in profondità dalla legge d’Incarnazione. È assai più di una Chiesa di segni e di figure. (…) La Chiesa indubbiamente non desisterà mai dal ricordare ai governanti, in nome stesso del Vangelo, i loro precisi doveri di capi del potere temporale, di un temporale che deve essere influenzato e orientato dall’alto mediante la luce del Vangelo, e che deve rispettare, fra le altre, le libertà divine delle anime. Ma per nulla fa affidamento su di essi per conservare i popoli cristiani nell’ortodossia e per convertire le razze di colore alle beatitudini del Discorso della Montagna. (..) Non saremo, così, più bambini, sballottati e portati qua e là da ogni vento di dottrina, alla mercè dell’inganno degli uomini, della loro astuzia nel macchinare l’errore…» (cardinale Charles Journet – Teologia della Chiesa)

Questa “cronicas…” è un tantino impegnativa e parte da una notizia pubblicata qui da Aldo Maria Valli e che, purtroppo, non ha avuto la diffusione che merita, perché ci aiuta a capire alcune dinamiche – il progetto – dei Gesuiti Modernisti in America Latina…. Abbiate la pazienza di seguire il discorso.

Continua a leggere “E’ vero che a pensar male è peccato: ma spesso ci si azzecca!”

Anche per Padre Cavalcoli, il Vangelo va riscritto?

Avevamo già avuto, in passato, un “problemino” con alcune affermazioni azzardate espresse dal domenicano Padre Giovanni Cavalcoli, si legga qui, e per le quali avanzammo tenendo bene a mente quanto segue:

Il modernismo, la «sintesi di tutte le eresie» (San Pio X, Pascendi, 1907), non parlava di cambiamenti dottrinali, ma di “evoluzioni” dei dogmi e delle dottrine, per riuscire in qualche modo a “modernizzare” la Chiesa per metterla “al passo con i tempi”…

Che cosa è accaduto? Che il vaticanista Aldo Maria Valli, all’inizio dell’anno appena entrato, aveva concesso spazio per una intervista “esclusiva” a Don Alessandro Maria Minutella, leggi qui, per la quale – pur condivisibile in molti punti – ci aveva fatto ripromettere di fare un intervento su alcune sue affermazioni discutibili… Ma la risposta del domenicano Padre Giovanni Cavalcoli che ha pubblicato lo stesso Aldo Maria Valli, leggi qui, ci suggerisce che ora – tra i due Sacerdoti che amiamo e stimiamo – vediamo concretizzarsi il monito del Cristo: “può un cieco guidare un altro cieco?…”

Continua a leggere “Anche per Padre Cavalcoli, il Vangelo va riscritto?”

Ai tempi di Gesù non c’erano i registratori, ma i Gesuiti!!

“Purtroppo questi amatori delle novità facilmente passano dal disprezzo della teologia scolastica allo spregio verso lo stesso Magistero della Chiesa che ha dato, con la sua autorità, una cosi notevole approvazione a quella teologia. Questo Magistero viene da costoro fatto apparire come un impedimento al progresso e un ostacolo per la scienza; da alcuni acattolici poi viene considerato come un freno, ormai ingiusto, con cui alcuni teologi più colti verrebbero trattenuti dal rinnovare la loro scienza” (Venerabile Pio XII, Humani generis, 1950)

Continua a leggere “Ai tempi di Gesù non c’erano i registratori, ma i Gesuiti!!”

Sotto la falce di Bergoglio cade il novello Atanasio, e degrada anche il pontificio soglio

“Ciò che ci disturba nel confrontare il passato della Chiesa a quello che accade ora è che di solito si pensa a Sant’Atanasio, a santa Teresa e agli altri, come coronati dalla gloria, e ai loro giudici come dei demoni neri. Infatti ora che il tempo ha chiarito le cose, esse ci appaiono così, ma al tempo in cui lo perseguitavano, questo grande santo era solo un uomo chiamato Atanasio e santa Teresa una ragazza.
«Elia era un uomo come noi e soggetto alle stesse passioni nostre», dice san Pietro, per togliere i cristiani dalla falsa idea che ci fa respingere l’esempio dei santi come sproporzionato alla nostra condizione: «Erano dei santi», diciamo, «non erano come noi». Cosa accadeva allora?
Sant’Atanasio era un uomo chiamato Atanasio, accusato quasi come un cane, condannato nel tale e nel tal altro concilio, per questa e per quella colpa. Tutti i vescovi sono d’accordo e anche il Papa.
Cosa si dice a quelli che si oppongono? Che disturbano la pace, che sono scismatici, ecc. Zelo, luce. Quattro tipi di persone: zelo senza scienza, scienza senza zelo, né scienza né zelo, zelo e scienza. I primi tre lo condannano, gli altri lo assolvono e vengono scomunicati dalla Chiesa, e tuttavia salvano la Chiesa”.
Blaise Pascal (Pensieri, n. 510), riportato da Antonio Socci, qui.

Continua a leggere “Sotto la falce di Bergoglio cade il novello Atanasio, e degrada anche il pontificio soglio”

Nessuno avrà mai risposte da Bergoglio: nel gesuitismo modernista l’imbroglio

Cari Amici, è necessario fare questo editoriale di cronaca a fronte anche dell’ultima Lettera di mons. Carlo Viganò, la trovate qui integrale, perché se non si arriva alla radice del problema, non solo non si potrà fare mai la diagnosi, ma neppure capire la cura giusta. Stiamo forse dicendo che papa Francesco è malato? Sì e no! Ci sono le malattie vere e proprie e queste, se già catalogate dalla medicina, sono facili da riconoscere, diagnosticare e trovare la cura adatta. Ma esistono anche le patologie….  La patologia studia gli effetti patologici, le conseguenze o le derive di disturbi non facilmente individuabili, uno stato PATOLOGICO appunto, che procura nel soggetto quei disturbi per i quali l’individuo non si accorge, o spesso non si rende conto, oppure che…. ??

Continua a leggere “Nessuno avrà mai risposte da Bergoglio: nel gesuitismo modernista l’imbroglio”