Bergoglio docet: “l’abete rosso simboleggia Dio…” Gesù è Figlio del dio albero

Nel messaggio che Bergoglio ha espresso stamani ai donatori dell’albero e del Presepe per questo Natale 2018, in san Pietro, ha detto:

  • – L’albero e il presepio sono due segni che non finiscono mai di affascinarci;
  • – Il presepio e l’albero, simboli affascinanti del Natale…

SEGNI O SIMBOLI?

quanta confusione….. e quanta tristezza sentire certe espressioni da un “papa” che non sappiamo se abbia parlato a braccio, visto che si è trattato di una visita di cortesia!

L’albero è un simbolo, il Presepe (che una volta si scriveva infatti maiuscolo) è un segno….

Ma non poteva mancare la ciliegina sulla torta, il “dio albero”, leggete:

  • L’abete rosso che quest’anno è collocato in Piazza San Pietro, proveniente dalla foresta del Cansiglio, ci suggerisce un’ulteriore riflessione. Esso, con la sua altezza di oltre venti metri, simboleggia Dio che con la nascita del suo Figlio Gesù si è abbassato fino all’uomo…”

Un albero SIMBOLEGGIA DIO????

E ancora, leggiamo bene la frase: simboleggia Dio che con la nascita del suo Figlio Gesù si è abbassato fino all’uomo…”

Allora ricapitoliamo: l’abete rosso, alto più di venti metri, simboleggia Dio che con la nascita del suo Figlio Gesù si è abbassato….. dunque… Gesù CHI E’ ???

E sì perché, nella frase, Gesù o non è Dio… oppure che Gesù è anche quel Dio che l’abete rosso simboleggia…. Per sillogismo aristotelico che succede? Esempio: l’aringa salata fa bere e ribere; il bere e ribere estingue la sete; l’aringa salata estingue la sete! Applicando al nostro caso: l’albero simboleggia “dio”; Gesù è il Figlio di Dio; Gesù è un albero…..

Vabbuò, ragazzi, abbiamo scherzato fino ad oggi, facciamo le valige ed espatriamo… ma dove? E’ questa la fregatura, non c’è altra “barca” sulla quale salire, e sulla Barca ci sono oggi Soggetti alquanto strani… e per chi non avesse capito, si studi la “cristologia panteista” del gesuita eretico Teilhard de Chardin….

Buon Natale a tutti!

P.S. Siamo seri:  evitiamo ora di fumarci l’albero…. restiamo coi piedi per terra e facciamo il Presepio, il SEGNO per eccellenza, certi simboli – o simbologie – lasciamoli ai gesuiti…. che si vantano di non essere cattolici!


AGGIORNAMENTO: 

Ci sono state segnalate due “opzioni” a riguardo della frase di papa Francesco, entrambe collegate tra loro. La prima riguarda “Wikipedia”, ossia, la storia dell’Albero di Natale che darebbe ragione a Bergoglio perché….. e qui è la seconda parte, esso sarebbe stato significato con L’ALBERO DELLA CROCE!

Chiariamo subito che siamo sempre debitori a Wikipedia per il suo immane lavoro, ma LA STORIA DELLA CHIESA non si fa con “wikipedia”….. si fa anche con LA DOTTRINA CATTOLICA E LA SUA TRADIZIONE VIVA.

Chiarito ciò e, detto brevemente, wikipedia affronta l’argomento storico, senza entrare nella dottrina anche se sottolinea come, infatti, fin da subito LA CHIESA SI OPPOSE ALL’USO DELL’ALBERO DI NATALE, mentre non disdegnò di usare ” …con l’agrifoglio, per simboleggiare con le spine la corona di Cristo e con le bacche le gocce di sangue che escono dal capo...”

La Chiesa si oppose all’Albero di Natale perché la sua tradizione era di stampo PAGANO E PANTEISTA: “L’albero natalizio ha una valenza cosmica che lo collega alla rinascita della vita dopo l’inverno e al ritorno della fertilità della natura. L’albero cosmico o albero della vita è stato anche associato alla figura salvifica di Cristo e alla croce della Redenzione, fatta appunto di legno…
(…) si noti la similitudine dell’albero con il pilastro cosmico chiamato Yggdrasill dalla mitologia nordica, fonte della vita, delle acque eterne, cui è vincolato il destino degli uomini:.

L’albero di Natale, come lo abbiamo oggi, si diffonde in Germania NEL PROTESTANTESIMO….. mentre soprattutto in Italia, con SAN FRANCESCO D’ASSISI prende piede e posto IL PRESEPE…. VERO SEGNO DEL NATALE DI GESU’…
Per molto tempo, la tradizione dell’albero di Natale rimase tipica delle regioni a nord delle Alpi. All’inizio, i cattolici la consideravano un uso protestante (che infatti RIFIUTAVANO IL PRESEPE) e solo dalla fine dell’800 e dagli inizi del secolo scorso, questa tradizione si diffuse anche nel mondo cattolico…..

A portare l’Albero di Natale in san Pietro accanto al Presepio fu Giovanni Paolo II…. ma non intese mai affermare che “l’albero natalizio” simboleggiasse Dio. Basta andarsi a leggere tutti i Discorsi fatti per l’occasione (noi lo abbiamo fatto), così come i Discorsi di ringraziamento di Benedetto XVI per i donatori dell’Albero e del Presepio!

ALBERO DELLA VITA

Per chi volesse VEDERE  e sapere cosa la Tradizione dottrinale intendesse PER ALBERO DELLA VITA, veda l’immagine affiancata, e ne tragga le più oneste conseguenze.

 

 

 

 

 

9 pensieri riguardo “Bergoglio docet: “l’abete rosso simboleggia Dio…” Gesù è Figlio del dio albero

  1. “O Maria concepita senza peccato pregate per noi che ricorriamo a Voi”. Non sono riuscito a trovare il testo della bolla Ineffabilis Deus sul sito vatican.va
    Sarà questo mai possibile?

    _____________________________

    RISPONDIAMO QUI

    Purtroppo è vero, gentile Antonio, neppure noi l’abbiamo trovata sul sito Vaticano, mentre l’abbiamo trovata qui:
    https://cooperatores-veritatis.org/2018/12/08/ineffabilis-deus-limmacolata-concezione/

    Grazie per la segnalazione.
    Evviva Maria!
    Lo Staff di “cronicas…”

    Mi piace

  2. Carissimi della redazione, non è colpa di wikipedia, ma di coloro che hanno imparato con questa falsa chiesa che alla fine ogni albero simboleggia la croce di Gesù Cristo. E’, se volete, anche il risultato della nefanda Laudato sì di Bergoglio che ha dato il carico da novanta, confermandoli nell’eresia.
    Avete fatto bene a specificare la differenza e a mettere anche la rarissima immagine.
    E’ vero che l’albero in sè stesso riporta a noi il legno della Croce sul quale Gesù ci ha salvati, ma qui Bergoglio insinua proprio al dio panteista, non parla di Croce, ma di grandezza dell’albero che – in questa sua grandezza – simboleggia Dio.
    Tra l’altro, l’Albero della vita (Etz haHa’yim עץ החיים in ebraico) rappresenta simbolicamente, nella Cabala, le leggi dell’Universo (certi autori lo avvicinano all’albero della vita menzionato dalla Genesi in 2,9). La sua descrizione è considerata come quella della cosmogonia della mistica cabalistica.
    La dottrina cattolica invece è ben diversa, ma molta gente non ne conosce l’assunto.
    In definitiva, parlare dell’Albero della vita, senza esprimere la dottrina della Croce, fa cadere nel panteismo (Dio è in tutto, nel senso spirituale ma anche di energia cosmica).
    La Croce nella nostra dottrina infatti, non è albero sterile da ABBELLIRE con i vari ninnoli una volta l’anno, essa è fecondo (cf. 1Pt 1,18-19); non isterilisce, ma dà fecondità (cf. Gv 12,23-24), ed ha ricevuto dalla Chiesa di sempre l’atto liturgico e di adorazione sia nel Venerdì Santo (per il Crocefisso), sia per il 14 settembre (adorazione della Croce).
    Solo con lo sguardo della vera fede e della sana dottrina, questa Croce cambia senso, ossia ha un senso. Se non decifriamo la Croce con l’occhio credente, essa non potrà significare che il segno della fine di Cristo, la sua umiliazione estrema, la forma della sua esclusione dalla comunità degli uomini. I Protestanti non intesero simboleggiare questo quando avviarono l’uso dell’albero di Natale.
    Purtroppo oggi molti cattolici si ingannano e sono stati confusi da questa faciloneria sincretista attraverso la quale si associa l’albero, alla fine qualunque albero, alla Croce di Cristo.
    Buone Feste anche a voi da Cornelio.

    Mi piace

  3. Qui in Inghilterra prepariamo l’ albero di Jesse. E’ una sorta di calendario dell ‘ avvento che ripercorre la storia divina dalla creazione alla nascita di Gesu’, che rappresenta il germoglio di Jesse da cui partono la salvezza e redenzione dell’ uomo. In quanto alle parole del papa mi pare il solito discorso poco pensato. Ma non e’ la sua uscita peggiori, sinceramente! !

    Mi piace

  4. Gentile Luca Rossi…. magari, Bergoglio, fosse davvero “persona non indottrinata”… capiamo cosa lei voglia dire, ma qui è esattamente l’opposto. Bergoglio è indottrinato eccome, ma nell’eresia che sta pastoralmente imponendo alla Chiesa, pretendendo di cambiarla definitivamente. Eliminare il vero pensiero cattolico, la cultura cattolica, sostituendola con il nulla, l’indottrinamento di una nuova cultura modernista, a tutti i livelli. 😉
    Non si tratta poi di dare o non dare “importanza” a codesta persona (che comunque è il Papa fino a quando LA CHIESA non decidesse o deciderà diversamente), ma è dare IMPORTANZA A CHI E’ DAVVERO DIO, chi è Gesù e cosa è davvero l’albero della vita… che non è l’albero di Natale!
    Si tratta di aiutare persino una grossa fetta di cattolici che, purtroppo, credono davvero anche loro che l’albero di Natale è in riferimento alla Croce di Cristo….
    Questa commistione o confusione non è da oggi, ma oggi si vede CONFERMATA dalle affermazioni di un pontefice… non possiamo far finta di nulla!
    Buon Avvento

    Mi piace

  5. Faccio solo questa considerazione: perché, per Bergoglio “solo” l’abete ROSSO ALTO PIU’ DI DUE METRI “simboleggia Dio” ?….. l’alberello sotto casa dove i cani vanno a fare i loro bisogni NO???
    Vedete dove si arriva?
    Pazzesco!

    Mi piace

  6. Carissimi fratelli di Cronacas, prima di tutto un ringraziamento per i vostri articoli, sempre obbiettivi e soprattutto “Cattolici”, mi capita spesso facendo scorrere la pagina principale di imbattermi nella locandina in cui c’è la faccia di papa Bergoglio, circondato dalla corona del Santo Rosario, credetemi, ogni volta è un pugno nello stomaco, uno sguardo tale che farebbe impallidire pure Al Capone, se gli occhi sono lo specchio dell’anima, bè, non è poi così tanto rassicurante.
    Sono andato out rispetto all’argomento, ma come si dice anche l’occhio vuole la sua parte, meno che quella ovviamente.
    Santo Natale
    Ladetur Jesus Christus
    Francesco ( e non so er papa :-))

    Mi piace

    1. Caro Franco 🙂
      non è stato facile captare l’immagine adatta… alla fine abbiamo optato per questa proprio perché vogliamo che la Vergine Santa LO AVVOLGA E LO CONVERTA….. Lo sguardo mette angoscia è vero, ma piuttosto che incorniciarlo tra i lecchinaggi della cortigianeria bergogliana… abbiamo pensato non ripagare un male con altro male, ma il MALE CON IL BENE 😉 una bella cornice mariana…. anche per proteggere noi stessi… da certi influssi malvagi….
      Un caro augurio di Buon Avvento e di Natale.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...