Vaticanate, la “canonizzazione” di Pannella

È morto Giacinto Marco Pannella ferocemente anticattolico, nonché simbolo di tutte le leggi contro Dio approvata in Italia negli ultimi 50 anni (divorzio, aborto, etc.). Eppure, il portavoce della Santa Sede, il gesuita Federico Lombardo, lo ha elogiato pubblicatemene in quanto “ammiratore di papa Francesco”.

Sinceramente parlando non volevamo dare alcuna voce al fatto, ma la canonizzazione di padre Lombardi alla memoria di Giacinto Marco Pannella (vedi qui) no davvero, è un inaccettabile delirio di onnipotenza! Questo è davvero abuso di potere.

"San Marco Pannella, ammiratore di papa Francesco, prega per me"
“San Marco Pannella, ammiratore di papa Francesco, prega per me”

Premesso che un Requiem non si nega a nessuno, noi preferiamo pregare affinché in cielo lo accolga l’esercito di milioni di abortiti che lui ha contribuito a formare, sostenendo, osannando e alimentando la legge più iniqua che l’uomo potesse legiferare, l’aborto.

Non vogliamo neppure pensare di scaraventarlo nell’inferno, o se farsi un certo tempo nell’angolo più doloroso del purgatorio, noi gli auguriamo di cuore di essersi in qualche modo salvato, se non altro per due motivi: il primo perché è costato anche lui, come noi, tanta sofferenza al Cristo che pagò anche per lui con la Sua vita; secondo perché abbiamo a cuore il monito del Cristo: «perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati» (Mt 7,2).

Ma il Vangelo stesso ci spinge a fare discernimento sulle opere inique, sugli operatori di iniquità, e l’aborto è una iniquità che non solo va condannato, ma vanno contrastati anche coloro che operano in questo modo, o vi hanno dato un cospicuo contributo.

Per padre Lombardi è eloquente il titolo: a Pannella piaceva papa Francesco, a quanto pare basta questo per canonizzarlo. Mica ha scritto che “ammirava Gesù Cristo”, o grande difensore della vita, macché, ma ammirava il papa. E poi giù, un necrologio zeppo di pensieri mistici cui le parole più false e più contraddittorie sono queste: “Lo ricordo quindi con stima e simpatia, pensando che ci lascia una eredità umana e spirituale importante, di rapporti franchi”.

È poco prima aveva ammesso che: “Noti i suoi scioperi della fame e della sete con cui era solito manifestare il proprio impegno antiproibizionista, contro la pena di morte, a favore dei carcerati, dell’aborto, del divorzio e dell’eutanasia

Ma padre Lombardi c’è o ci fa? Ha capito che quegli scioperi erano a favore dell’aborto e dell’eutanasia oppure, furbescamente, avendo mischiato i suoi impegni contro la pena di morte, vorrebbe far dire che Pannella magari era contro l’aborto e l’eutanasia?

Marco PannellaDi quale “eredità spirituale” sta parlando padre Lombardi? Milioni di abortiti sono per lui una ricca e santa eredità spirituale? Qui non stiamo giudicando l’anima del defunto e nessuno di noi può certamente dire dove è finito, ma santo cielo! non siamo dementi! Cristiano non è sinonimo di compromesso o di stordimento. A quando l’elogio funebre ufficiale per dichiararlo “Testimone della fede e confessore”? Magari anche martire, che mica è morto perseguitato, cacciato di casa, ma nella Casa di Cura delle suore che padre Lombardi si è affrettato a minimizzare e a coprire con un più anonimo: “ricoverato in una struttura sanitaria romana”.

L’VIII Comandamento ce lo rammenta: non dire falsa testimonianza, che non significa soltanto il non calunniare il prossimo, ma anche non mentire, non ingannare il prossimo. Il Catechismo del concilio di Trento insegna:

Commettono infine questo peccato gli uomini lusingatori e adulatori che, con blandizie e lodi simulate, si insinuano nelle orecchie e nell’animo di coloro di cui ricercano il favore, il denaro e gli onori, chiamando male il bene e bene il male, come scrive il Profeta (Is 5,20)” (n.349).

Ed anche il Catechismo del 1992, dice su questo Comandamento:

2497 Proprio per i doveri relativi alla loro professione, i responsabili della stampa hanno l’obbligo, nella diffusione dell’informazione, di servire la verità e di non offendere la carità.

La Chiesa non “canonizza” il defunto (per fare questo ci sono i processi della congregazione per i santi), ma lo affida a Dio con il cuore contrito ed umiliato, che  solo da Lui attende la lode a seconda delle opere che avrà compiuto. E c’è, esiste la giustizia divina che è misericordia per i milioni di abortiti. In qualche modo, nelle esequie, la Chiesa, secondo la parabola evangelica del banchetto nuziale (Lc 14, 7ss.), pone il defunto all’ultimo posto, ossia “steso a terra” ai piedi dell’altare, e attende che Dio stesso, e solo Lui, sorga e dica “Amico, passa più avanti” (Lc 14, 10).

Noi auspichiamo a Pannella questo incontro con Dio, l’unico che potrà giudicarlo, ma la Chiesa stessa non presume mai nei suoi figli quello stato perfetto di santità, che solo Dio può riconoscere e, umilmente, invoca misericordia, eleva il suffragio e si mantiene sotto il giogo della penitenza. Ma nessun sacerdote  può arrogarsi il diritto (abuso di potere) di “canonizzare” qualcuno la cui condotta di vita non è stata affatto esemplare per il cristiano, specialmente se soggetto pubblico, che ha dato di scandalo e per tutta la sua vita ha lottato contro la vita degli altri, godendo per la legge sull’aborto, rivendicandola quale sua opera meritoria.

11 pensieri riguardo “Vaticanate, la “canonizzazione” di Pannella

  1. O Signore!! Leggo dalle parole di Lombardi:
    “di espressione libera e di impegno civile e politico generoso, per gli altri e in particolare per i deboli e i bisognosi di solidarietà.”
    O mamma!!!! in particolare per i deboli? e i concepiti non sono i più deboli e i più bisognosi della solidarietà?
    Confesso che forse è meglio pregare di più per padre Lombardi che per Pannella.
    SCONCERTANTE!!!
    san Giovanni Paolo II definì l’aborto IL GRANDE OLOCAUSTO ALLE SOGLIE DEL TERZO MILLENNIO….. ed erano gli anni delle battaglie più feroci di Pannella….

    Liked by 1 persona

  2. Vorrei aggiungere un fatto: un Sacerdote si è giustamente indignato per quanto detto dal Portavoce. Ed ha messo per iscritto tutto ciò. Ebbene: nel giro di poche ore questo prete ha “dovuto” scrivere un post “riparatorio”. Evidentemente i boss al vertice gli hanno intimato la ritrattazione. Che è giunta ma…parziale. Io ora ho paura per questo sacerdote: la massoneria ecclesiastica lo sbriciolerà. Prego Dio di sbagliarmi.

    (per maggiori info sulla vicenda: “UN PRETE, PANNELLA E FACEBOOK” sul sito web “L’Informatore Romano)

    Mi piace

    1. Grazie per questa notizia. Preghiamo per quel povero prete. Per fortuna oggi c’e’ internet, e se anche le notizie sgradite al dittatore di turno sono sgradite, prima o poi saltano sempre fuori.

      E ha ragione Caterina: “padre” Lombardi ha bisogno di preghiere piu’ ancora che Pannella.

      Mi piace

  3. Egregio padre Federico Lombardi,
    La sua dichiarazione per la morte di Pannella è quanto di più allarmante si possa leggere (ce ne sono altre che seguono a ruota in caduta libera, cfr quella di mons. Paglia, e lo sa Iddio cosa ancora dovremo sentire nei giorni a venire).
    A leggere la sua c’è da restare di sasso soprattutto perché, di fronte alla morte di un personaggio come questo – tristemente noto per il suo essere stato fino alla fine l’alfiere e il procacciatore di morte procurata, fisica e spirituale – lei non abbia sentito il dovere morale di invocare la pietà di quel Dio di Gesù Cristo per servire il quale si fece prete molti anni orsono.
    Figuriamoci invocare la Madonna!
    Quanto al contenuto della sua dichiarazione, tengo a dirle che:
    a) i credenti non sono tutti creduloni pronti a bere qualsiasi cosa ;
    2) lei, in quanto capo della sala stampa vaticana, non può non sapere delle montagne di pubblico denaro erogato, da governi di tutti i colori, a Radio Radicale per anni e annorum per le dirette dal Parlamento (‘perché la Rai non era attrezzata’), al giornale radicale e sa Iddio a cosa altro, in nome di ‘collaborazioni’…
    Nell’incredibile caso lei non sia informato, una semplicissima ricerca in Internet la potrà illuminare su questo scandalo (ne parlarono giornalisti non venduti, e puntualmente messi a tacere), giusto per non parlare avventatamente, da parte sua, di ‘grande generosità’ del morto, che i conti in soldoni (del popolo italiano) li ha sempre saputo fare benissimo;
    c) quanto ai digiuni di Pannella, è noto che fu colto anni fa, durante i suoi numerosi scioperi ‘della fame’ che puntualmente finivano nei telegiornali, a ‘dissetarsi’ a cappuccini.
    d) il particolare però più risibile è quel suo fare il peana di Pannella per la ‘grandissima simpatia che provava per papa Francesco’.
    Ormai è piuttosto chiaro che, nella nuova chiesa bergogliana – o bergogliosa che dir si voglia – contano due cose: le emozioni di pancia e il mettersi allineati e coperti dietro il capo (che però guarda caso non è più Gesù Cristo!).
    Ma credo che a tutto ci sia un limite.

    P.S.: mi sono spesso domandata, in anni passati, come mai a parlare di gesuiti si sollevavano sempre risolini ironici e battutine poco benevole, cosa che non accadeva quando l’argomento erano altri ordini religiosi.
    Da qualche anno a questa parte, tutto ciò che è andato e va quotidianamente in scena mi ha chiarito ogni cosa…

    Mi piace

  4. VERGOGNA a chi ha trattato quel povero prete in quel modo, obbligandolo a ritrattare quello che aveva scritto sulla sua pagina di facebook! Male gliene colga a chi lo ha ridotto al silenzio, perchè parleranno le pietre, il Signore vendicherà i suoi giusti. Mi viene solo da dire che meno male c’è stato un concilio, alla faccia!! Abbiamo la chiesa più clericale e prepotente nel clero, che mai si sia vista nella storia della vera e Santa Chiesa di Dio. Ma il popolo, seppur piccolo e davvero povero, non starà sotto le vostre angherie, angherie di preti corrotti, comunisti e non dico di altro per non umiliare tutto il clero, che di preti santi ne abbiamo ancora, grazie a Dio. Ma la pagherete cara, voi preti prepotenti, quelle anime innocenti abortite saranno i vostri giudici, lo dice il Signore. Signor Lombardi, si spreti che almeno non sporchi la Sposa di Cristo con i suoi proclami da Cremlino stalinista. Sarà da ridere se troveremo Pannella salvato in extremis perchè magari può aver detto “pietà” all’ultimo, ma non certo per il necrologio di radio vaticana, mentre per lei caro Lombardi, saranno guai seri se non si convertirà e non chiederà perdono per lo scandalo dato. Lei è di scandalo!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...