La “claustrale-fobia” di Papa Francesco

Nel luglio 2016 avevamo già discusso sull’anomalo contenuto… del Documento firmato da Papa Francesco, volto a modificare le radici e la Tradizione degli Istituti di Vita Contemplativa, ossia, i Monasteri di Clausura…. con il testo Vultus quaerere…. Non che un Papa non possa intervenire per migliorare e consigliare questi Istituti, ci mancherebbe altro, ma come abbiamo meditato qui: “non c’è bisogno di alcuna laurea per riscontrare, nel testo, alcuni aspetti inquietanti specialmente quando si osserva che l’applicazione del documento sarà nelle mani del cardinale João Braz de Aviz, già distruttore e devastatore dei Frati Francescani dell’Immacolata e del ramo Femminile… (e sotto la regia dell’eretico Enzo Bianchi), esperto forse in molte attività mondane e per la scelta delle tinte da suggerire al proprio parrucchiere, ma non certo in campo vocazionale e monacale…”

Non dimentichiamo che, legato ed associato a questo Documento, deve essere letto il Testo voluto da Bergoglio e firmato dalla Congregazione per la Dottrina della fede dal titolo Plaquit Deo del cui contenuto facemmo questo editoriale, qui, al quale si unì anche la bellissima riflessione di Don Felice Prosperi, qui: “Placuit Deo”? Forse no.

Premessa fondamentale per comprendere l’ultimo libro a firma di Aldo Maria Valli, vedi qui che condividiamo, consigliamo e facciamo pure nostro.


“Claustrofobia” … sull’attacco alla Clausura

La vita di preghiera, nella contemplazione del mistero divino e per la riparazione dei peccati del mondo, è un tesoro grande, conservato in monasteri dalla vita millenaria, ma ora questo tesoro è in pericolo, e non per un attacco dall’esterno, ma per iniziativa della stessa gerarchia cattolica.

L’attacco arriva dalla costituzione apostolica Vultum Dei quaerere e dall’istruzione applicativa Cor orans, un apparato normativo che minaccia l’autonomia dei monasteri, indebolisce la loro indipendenza e, con la scusa dell’aggiornamento e della formazione, mette in discussione l’idea stessa di isolamento e di vita di clausura.

Ma perché questa “claustrofobia” da parte della Chiesa? Perché mortificare la scelta di chi consacra la propria vita alla preghiera nel nascondimento? Dietro s’intravvede un’idea di spiritualità tutta orizzontale, tutta giocata nel sociale, incapace di scorgere la bellezza e la grandezza di una relazione esclusiva con Dio. Una situazione grave che in Claustrofobia. La vita contemplativa e le sue (d)istruzioni Aldo Maria Valli descrive mettendone in luce i contenuti più letali per la fede e la Chiesa stessa.

Acquistabile qui, su Amazon

 

 


 

“L’Europa rischia di trasformarsi in Eurabia. Papa Francesco? Stravolge l’insegnamento dei predecessori”: intervista al vaticanista Aldo Maria Valli
“L’Islam non conosce l’idea del dialogo e del compromesso, solo la logica della conquista. La parola Jihād ha il significato di lotta interiore, di sforzo di miglioramento, ma anche di guerra per la causa di Dio”

Di Vincenzo Fiore – 21 Gen. 2019

“Che altro sono ancora queste chiese, se non le fosse e i sepolcri di Dio?”, urlava l’uomo folle nietzscheano intonando il Requiem aeternam Deo.

Se a fine Ottocento, “l’annuncio più grande” destava ancora l’incredulità dei credenti e suscitava l’ilarità degli atei, oggi la situazione sembra essersi completamente stravolta. La Chiesa stessa, o almeno una parte di essa, sembra aver preso coscienza della propria agonia.

Aldo Maria Valli, vaticanista Rai e intellettuale di spicco del mondo cattolico, prova a immaginare un futuro nel quale le cattedrali saranno completamente vuote e il paradiso, a torto o a ragione, sarà soltanto una favola per bambini.

Il Papa emerito, Joseph Ratzinger, nel 1969 scrisse che la Chiesa aveva iniziato il proprio cammino verso la fine, con preti sempre più trasformati in assistenti sociali e la fede ridotta a visione politica. Oggi a che punto siamo?

AMV – Quel processo è andato molto avanti. Dal Concilio Vaticano II in poi la Chiesa cattolica si è impegnata sempre di più sul terreno sociale ed ha dedicato attenzione sempre più scarsa alle cose ultime, a quelli che si chiamano i Novissimi, ovvero la morte, il giudizio, l’inferno, il paradiso.

Nel tentativo di dialogare con il mondo, la Chiesa ha rinunciato a occuparsi delle anime e della salvezza eterna. Sotto l’attuale pontificato questa tendenza si è accentuata come non mai. Francesco ha dimostrato di avere una visione tutta orizzontale della vita di fede. La stragrande maggioranza dei suoi interventi è dedicata ai problemi sociali ed economici. Non dico che la Chiesa non se ne debba occupare, ma ormai siamo arrivati a un punto estremo: da parte della Chiesa c’è un silenzio assordante sul soprannaturale.

Abbiamo una Chiesa mondanizzata, che non parla più del peccato originale e non annuncia la redenzione. Una Chiesa snaturata.

Nel suo pamphlet Come la Chiesa finì (Liberilibri, 2017) lei parla della conversione della Chiesa cattolica nella Nuova Chiesa Antidogmatica. Che cosa intende dire?

AMV – Dico che la Chiesa, per piacere al mondo e risultare simpatica, amica, attraente, ragiona come il mondo, abbraccia l’ideale del “rinnovamento” e rinuncia all’idea di verità.

Poiché il mondo dice che la verità, in senso assoluto, non esiste e non può essere conosciuta, ma al più esistono tante verità che devono convivere, la Chiesa, per adeguarsi a questo pensiero, rinuncia ai suoi dogmi e così, una volta ancora, si snatura e si appiattisce.

Il dogma è una verità di fede insegnata dalla Chiesa. Come tale non può essere relativizzato. Ma poiché il mondo è dominato dal relativismo e dal soggettivismo (non esistono leggi eterne ed assolute, ma è vero solo ciò che il soggetto sperimenta e prova) ecco che la Chiesa mondanizzata si mette sulla stessa linea. Con risultati devastanti, perché non annunciando più la verità di Cristo fallisce sotto tutti gli aspetti: non si occupa più della salvezza delle anime e non dice più nulla di originale all’uomo del suo tempo.

Nel mio libro, ambientato in un futuro immaginario ma non troppo, descrivo una Chiesa ex cattolica che, vergognandosi dei dogmi, si è ridotta a una brutta copia delle Chiese protestanti. Ha fatto proprio il relativismo, predica l’etica della situazione (le leggi sono adattabili ai singoli casi e non ci sono più principi assoluti), non possiede nemmeno più un vocabolario per annunciare le verità eterne e a un certo punto, per completare l’opera, decide di cambiare anche la “ragione sociale” dichiarandosi apertamente nuova e antidogmatica.

La disintegrazione dei dogmi non dovrebbe dare spazio a maggior pensiero critico e, di conseguenza, a maggiori libertà?

AMV – No. Oggi va di moda dire che la Chiesa deve essere “in uscita”, ovvero meno dogmatica, meno dottrinale e più pastorale.

Ma una Chiesa senza dogmi e senza dottrina, o con una dottrina annacquata, non è una Chiesa più pastorale, cioè più attenta all’uomo e alle sue esigenze, bensì una Chiesa sbandata, in preda all’arbitrio e succube del mondo e delle tendenze dominanti in un certo momento storico. Il succo della dottrina è la rivelazione del progetto di Dio su ogni creatura, e questa dottrina è immutabile. La missione della Chiesa è di radicarsi in essa e annunciarla all’uomo di ogni tempo.

Se non lo fa, tradisce se stessa e anziché confermare i fratelli nella fede li confonde e li conduce alla perdizione. Quando la Chiesa si lascia prendere dal principio anti-dogmatico in realtà cade nel dogma centrale del relativismo, e cioè che ciò che io penso di Dio e dell’uomo è indifferente perché Dio è ovunque e io me lo posso dipingere a mio piacimento. Così si cade anche nello storicismo, ovvero l’idea secondo cui la chiave per interpretare il senso della realtà umana non è nella fede (con i suoi dogmi), ma nella storia stessa. Così si riduce la proposta cristiana a una vaga esortazione morale, senza riferimenti alle eterne verità divine, e si mette sotto silenzio la questione del giudizio di Dio. Lo vediamo molto bene in questo pontificato, al cui centro c’è un insegnamento che lascia intendere che da parte di Dio ci sarebbe l’obbligo di perdonare, mentre la creatura avrebbe il diritto di essere perdonata.

Dietro la finzione narrativa, sembra nascondersi un grande malessere reale. Fra le pagine del suo libro si avverte l’inquietudine di un credente che sembra non riconoscere più la voce della Chiesa. Si può parlare di critica, anche se velata, al pontificato di Francesco?

AMV – Certamente sì. Uso il paradosso, il sarcasmo, l’umorismo pungente (qualche lettore mi ha detto che si ride per non piangere), ma la critica a questo pontificato è aperta.

Credo che Francesco, soprattutto dopo Amoris laetitia, l’esortazione apostolica del 2016 pubblicata dopo i due sinodi sulla famiglia, abbia spalancato la porta della Chiesa all’ingresso del relativismo e dell’etica della situazione. L’insegnamento dei predecessori, Giovanni Paolo II e Benedetto XVI, è stravolto. L’ambiguità regna sovrana.

“In Vaticano molti si augurano un nuovo conclave”. Che cosa pensa delle parole pronunciate qualche giorno fa dal cardinale Kasper alla tv tedesca?

AMV – Credo che il cardinale Kasper, uno dei grandi ispiratori della linea bergogliana, con questa uscita abbia dimostrato che nel “cerchio magico” di Francesco c’è molto nervosismo. Le famose riforme non sono state realizzate.

La confusione è totale. Il principio della misericordia, sempre annunciato all’esterno, non è applicato all’interno e molte testimonianze che arrivano dai “sacri palazzi” parlano di regime dittatoriale e clima di terrore. Il pontificato sta vivendo un momento assai critico. Non per niente Francesco ha messo in programma numerosi viaggi internazionali, che in genere gli assicurano consensi e gli permettono di uscire dalle sabbie mobili vaticane.

Lei ha sostenuto che la Chiesa parla troppo di misericordia e ha espunto dal proprio linguaggio il giudizio. Ci può dire di più?

AMV – Come dicevo prima, non occupandosi più della questione del peccato (la stessa parola “peccato” non è più usata, e al suo posto si preferisce parlare di “fragilità”), la Chiesa cattolica non raccomanda la necessaria contrizione (il senso di rimorso e pentimento che nasce dalla consapevolezza del peccato), trascura il problema della conversione e trasforma la misericordia divina in una sorta di dovere di perdonare, come se da parte della creatura ci fosse un diritto al perdono, qualunque sia la sua scelta.

Il silenzio circa il giudizio di Dio è molto grave, perché distorce la misericordia divina. Dio infatti è sì un padre buono e misericordioso, ma non è accomodante e relativista.

Come ogni vero padre, prende sul serio il figlio e la sua libertà, e proprio per questo gli indica la strada della verità e del bene. Dio giudica l’uomo. Far scomparire dalla coscienza dell’uomo questa consapevolezza non è opera di misericordia, ma è qualcosa di demoniaco, perché consegna le anime alla perdizione: proprio ciò che vuole il demonio.

Benedetto XVI viene rappresentato come l’ultimo baluardo di un cattolicesimo che resiste nella purezza della sua dottrina. Eppure, non è stato forse fra i più rivoluzionari, abdicando al trono di Pietro?

AMV – Benedetto XVI certamente si è dimostrato molto libero. Non direi rivoluzionario, ma libero sì. Certamente ha pensato che la rinuncia avrebbe aiutato la Chiesa a uscire da una situazione difficile, ma a mio modesto avviso ha sbagliato previsione. In realtà ha lasciato campo libero allo schieramento modernista, con tutte le conseguenze che stiamo vedendo. Tutto il suo pontificato è stato un monito contro il relativismo dilagante, e oggi, puntualmente, anche la Chiesa abbraccia il relativismo.

L’Islam può essere una minaccia concreta per l’Europa cristiana?

AMV – Non solo può esserlo, ma lo è già. L’Islam non conosce l’idea del dialogo e del compromesso. Conosce solo la logica della conquista. La parola Jihād ha il significato di lotta interiore, di sforzo di miglioramento, ma anche di guerra per la causa di Dio.

L’Occidente cristiano pertanto va conquistato e convertito. Quando parliamo di Islam moderato in realtà proiettiamo sull’Islam una categoria nostra. Per il vero musulmano essere moderato significa tradire. E il Dio del Corano ha davvero poco in comune con il Dio della Bibbia. Non è un Dio-relazione ma un Dio- imposizione. E del tutto assente è il messaggio d’amore che è al centro del cristianesimo. Se poi a tutto ciò aggiungiamo la questione demografica il quadro si fa ancora più drammatico e la cosiddetta Eurabia non sembra poi tanto lontana.

Parafrasando il titolo di un’altra sua pubblicazione (Il diavolo in piazza San Pietro e altri racconti, Àncora, 2015), anche il diavolo passeggia per San Pietro?

AMV – Certamente sì. Non per niente sulla base dell’obelisco al centro della piazza è inciso il testo di un esorcismo!

 

7 pensieri riguardo “La “claustrale-fobia” di Papa Francesco

  1. Titolo strepitoso ! Solo che, per estensione della legge del prof. Carlo Cipolla, la percentuale di religiosi ammaliati dalla modernità (=modernismo) non dipende dall’Ordine di appartenenza… Una monaca di clausura che ha partecipato all’incontro di Roma, in occasione della Giornata Pro Orantibus, mi ha riferito che una monaca, parlando, a nome di altre consorelle, in modo molto forbito e complicato, ha rivendicato il diritto di poter uscire dal monastero per frequentare corsi di laurea, presumo almeno in Teologia o magari in Sociologia specializzazione mediazione interculturale… anche perché la laurea in Teologia, soprattutto di questi tempi, non aiuta proprio nella fede e nel rapporto con Dio, anzi…
    Hanno sbagliato portone o in preda ad una crisi acuta di CLAUSTROFOBIA… o di vocazione..?

    Mi piace

  2. Mi limito a rilevare che i casi di FOBIA, in questo papato e in questa neochiesa, stanno spuntando come funghi dopo la pioggia.
    Fobie verso cosa?
    Ma verso tutto quanto – ovviamente a loro dire – ha sentore anche lontanamente di cattolico…

    Piace a 1 persona

  3. Carissimi, bisogna che stiamo aggiornati! I nuovi evangelizzatori, assecondando la pastorale illuminata di Papa Francesco (veramente una nuova “Pentecoste”, non c’e’ che dire), sono individui come questo http://www.lanuovabq.it/it/don-enzo-canterino-e-il-vuoto-sotto-la-pop-theology
    Ma che suore che pregano chiuse in un convento, suvvia, siamo moderni! Intanto, per tagliare la testa al toro,ecco che la Pontificia Commisio Ecclesia Dei e’ stata definitivamente abrogata. Stiamo sereni, non serviva piu’ perche’ tutti i problemi colle frange piu’ estremiste e scismatiche della Chiesa Cattolica sono state appianate…dovete proprio convincervi, siamo in una botte di ferro!!
    «Nella vostra bocca non risuona la voce della tromba di Dio, voi che non amate la santa intelligenza… Dovreste meditare attentamente la giustizia di Dio… mostrandola al popolo al momento opportuno, e non imponendola con la violenza. Ma invece non lo fate, a causa del vostro volere ostinato… Vi rintanate come serpi ignude nelle loro tane… Perdete tempo in cose da nulla… Quanta perfidia e odio quando l’uomo non vuole volgersi verso il bene, né per Dio né per gli uomini, ma ricerca gli onori senza fatica e le ricompense eterne senza sforzo! Siete ciechi, poiché le vostre opere non risplendono davanti agli uomini del fuoco dello Spirito Santo!… Tutta la Sapienza che avete scrutato nelle Scritture è stata inghiottita dal pozzo delle vostre voglie! Tutto ciò che sapete, che avete provato e sentito, lo seppellite nella soddisfazione delle vostre brame, e ingrassate la carne come bambini che non sanno quello che fanno! Dovreste essere luce e invece siete tenebra!» (Lettera al clero di Colonia di Santa Ildegarda di Bingen)

    Piace a 1 persona

    1. Gentile Elena,
      riguardo alle sue parole: “Intanto, per tagliare la testa al toro,ecco che la Pontificia Commisio Ecclesia Dei e’ stata definitivamente abrogata…”
      suggeriamo e consigliamo questo articolo che affronta alcuni passaggi interessanti:
      https://cooperatores-veritatis.org/2019/01/19/chiude-ecclesia-dei-e-si-rafforza-la-cappella-sistina-musicale/

      Così come agli Scritti di santa Ildegarda, consigliamo anche questo articolo molto completo 😉
      https://cooperatores-veritatis.org/2018/03/28/profezie-e-moniti-di-santa-ildegarda-dottore-della-chiesa/

      Mi piace

  4. Mi piacerebbe potessimo discutere serenamente di questa figura, Monsignor Lefebvre

    Anche in questo caso, l’esempio di questo indomabile (e vero) prete Cattolico, mette in crisi tutte le mie certezze. Stabilito che abbiamo capito che uno scisma non e’ accettabile, ma non abbiamo comunque la sensazione che questo fosse un sant’ uomo o almeno un “giusto”, mentre ora siam circondati da empi? La fede mi dice che Dio condurra’ la sua Chiesa alla salvezza, con tutti i mezzi, quindi anche servendosi di traditori come quelli che attualmente gozzovigliano in vaticano e va bene. Pero’ noi da che parte stiamo? Parlo da ignorante, ma sento che la figura di Lefebvre dovrebbe essere riabilitata o almeno ben spiegata. Voi che ne pensate?

    Mi piace

    1. Gentile Elena, l’argomento è interessante, sempre più attuale e di grande edificazione 😉
      Attualmente, il problema insito nella FSSPX è che – a noi – non ci accoglierebbero…. e non solo questo, ma ci reputano dei “poveretti”, in buona fede anche e con tanta buona volontà… e che forse riusciremo a salvarci in qualche modo, magari proprio grazie alle loro preghiere 😉
      Non è cattiveria questa, ma è la realtà oggettiva dei fatti.
      Con la FSSPX non c’è possibilità di incontrarsi, se non il poter andare solo alla Messa che celebrano, confessarci e ricevere l’Eucaristia, da loro, ma per poter accedere alla loro comunità sarebbe necessario fare una specie di reset del nostro cervello e della nostra coscienza su tutto ciò che abbiamo appreso dal Concilio.
      Riguardo a mons. Lefebvre è stato riabilitato, la stessa scomunica assolta da Benedetto XVI nel 2009, ha sciolto lo stesso Lefebvre da ogni scomunica anche se, questa, decade quando la persona muore, ma restano coinvolti i suoi scritti ed insegnamenti….
      Noi da che parte stiamo?
      Della Chiesa Cattolica…. ma certamente in una posizione problematica per molti aspetti perché siamo coinvolti con gli insegnamenti del Vaticano II e soprattutto contagiati dalle pastorali di questi ultimi 50 anni, nonchè peggiorando negli ultimi 5 anni….
      Mons. Lefebvre può aiutarci ancora oggi a capire bene come fare discernimento e senza per questo buttare il bambino (il concilio) con l’acqua sporca 😉
      Ma è sempre più palesemente difficile difendere oggi i FRUTTI DEL CONCILIO…. perché Bergoglio non viene dal nulla, ma da quel concilio…
      Al momento è necessario imparare i fatti e gli eventi, studiare la Dottrina e fare proprio il Catechismo…. cercare buone Messe e RESISTERE…. e come dice Gesù: perseverare… il resto lo farà il Trionfo del Cuore Immacolato di Maria.
      Grazie per questo arricchimento.

      Mi piace

  5. Grazie, mi avete in effetti chiarito ( e velocemente!), molte idee!!Mi sembra di essere in prima elementare, cercando di imparare l’alfabeto ma con un maestro che ne sa meno di me! Non mi riferisco a voi ovviamente ma ad una Chiesa che capisco sempre di meno e con nemici/amici interni cosi’ diversificati che non mi ci raccapezzo piu’. Nel video postato, ho cominciato a capire effettivamente quali frutti avvelenati abbia prodotto quel Concilio. Bergoglio e’ stato “prodotto”cosi’, non e’ nemmeno tutta colpa sua! Mi spiace se vi interpello ogni tanto per questi chiarimenti, ma meglio chiedere in giro ad alunni piu’ avanti di me (mi sembrate almeno alle medie), piuttosto che rimanere asina e non ottenere mai nemmeno la licenza elementare!
    https://gloria.tv/article/a9jpzTGDfX4e4sBSnMJgioqSB
    Sempre piu’ convinta che i tempi della grande apostasia li stiamo vivendo di persona, anche se par impossibile pensarlo

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...