“Tonteras”. I dogmi (mariani) secondo papa Francesco

Nell’ottavo giorno dopo il Natale, quando Gesù è circonciso e gli è dato il nome dettato dall’angelo, la Chiesa cattolica celebra la festa di Maria Santissima Madre di Dio. Ma chi è Maria nella devozione e nella predicazione di papa Francesco? Una sua recente omelia ha suscitato stupore, per come egli ha ridisegnato il profilo della Madre di Gesù.

Continua a leggere ““Tonteras”. I dogmi (mariani) secondo papa Francesco”

Un atto di accusa a papa Francesco e di amore alla Chiesa di S.E. mons. Carlo Maria Viganò

S.E. mons. Carlo Maria Viganò, già nunzio apostolico negli Stati Uniti, pubblica oggi un documento che costituisce un forte atto di accusa nei confronti di papa Francesco e, nello stesso tempo, di ardente amore alla Chiesa.

Continua a leggere “Un atto di accusa a papa Francesco e di amore alla Chiesa di S.E. mons. Carlo Maria Viganò”

Video-conferenza. Un primo bilancio sul Sinodo per l’Amazzonia

Dal 6 al 27 ottobre 2019 si è svolto a Roma il Sinodo dei vescovi per l’Amazzonia. L’evento è andato oltre le peggiori aspettative. A circa un mese dalla conclusione del Sinodo un gruppo di studiosi cattolici ha tentato una prima valutazione complessiva. Sinodo amazzonico, un primo bilancio è il titolo del convegno tenuto a Firenze giovedì 21 novembre 2019; organizzatori ne sono stati le associazioni Tradizione Famiglia Proprietà e Comunione Tradizionale. Sotto la moderazione di Pucci Cipriani e dopo i saluti di Andrea Asciuti e Ascanio Ruschi, hanno parlato Julio Loredo (Sinodo amazzonico o Concilio Vaticano III?) e Filippo Bianchi (Si scrive green, si legge rosso).

La “chiamata” di Papa Francesco

Perché papa Francesco dice quello che dice e fa quello che fa?

Continua a leggere “La “chiamata” di Papa Francesco”

Noi crediamo in Maria Corredentrice. Papa Francesco no.

Il prof. Roberto de Mattei analizza e commenta le sconcertanti dichiarazioni — riguardo la Corredenzione di Maria — che papa Francesco ha fatto durante l’omelia della festa della Santa Vergine di Guadalupe, in contrasto con i suoi predecessori.

Continua a leggere “Noi crediamo in Maria Corredentrice. Papa Francesco no.”

Fine dell’evangelizzazione cattolica?

Papa Francesco ha nominato il cardinale dossettiano Tagle prefetto dell’ex Propaganda Fide, “defenestrando” con due anni di anticipo il cardinale Filoni. Perché queste decisioni improvvise dell’attuale Vescovo di Roma? Ce ne parlano il vaticanista Marco Tosatti e la scrittrice Cristina Siccardi.

Continua a leggere “Fine dell’evangelizzazione cattolica?”

Bergoglio non benedice le persone, però benedice… cosa è?!! non lo sappiamo!

Lo confessiamo, quando papa Francesco dice e fa una cosa giusta o lodevole, vedi qui, tremiamo…. perché o poco prima o subito dopo, arriva la batosta, come il detto: “l’orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno…” e ciò non è consolante…

Continua a leggere “Bergoglio non benedice le persone, però benedice… cosa è?!! non lo sappiamo!”

Papa Francesco firma Lettera Apostolica sul valore del Presepe: mirabile segno

Senza commentare, anche questa è cronaca… ed entrati nel Tempo di Avvento, al quale farà seguito il Santo Natale del Nostro Signore Gesù e poi l’Anno Nuovo, e poi la santa Epifania… ne approfittiamo – e ne siamo lieti – di porgere così a tutti i nostri Lettori, gli Auguri più sinceri per questo Tempo di Grazia.

_0032 Avvento 2018

Continua a leggere “Papa Francesco firma Lettera Apostolica sul valore del Presepe: mirabile segno”

Wojtyla e Ratzinger: che stupidi sono stati, a non pensarci prima…!

A scanso di equivoci è bene capire chi è, in questo nostro specifico, “l’utile idiota“… di dostoevskiana memoria…. Prendiamo in prestito, liberamente, alcuni passaggi su questo strano “soggetto“:

Chi è costui? Egli è un soggetto comune spesso dalle  capacità mediocri, ma sopravvalutato  dalla società, dalla quale riceve onori e prebende e rispetto. Eppure, questa illusione continua nelle menti delle persone, senza che le stesse ricevano vantaggi e attenzioni dalle presunti capacità dell’utile idiota. Il conformismo sociale, continua nella perseveranza  dello scorrere del tempo quotidiano carsicamente, silenziosamente, lentamente, costantemente. L’utile idiota  dispensa consigli, profonde analisi, dibatte temi Nazionali ed Internazionali, con piglio e acume senza eguali, guardandosi bene però dal dibattere tematiche locali!!! La folla striminzita, lo ascolta molti lo criticano in silenzio qualcuno lo contesta timidamente, altri fingono di ascoltare per imparare capire e comprendere, per non urtare la suscettibilità dell’utile idiota. Spesso il ruolo sociale dello stesso accompagna i viandanti dell’utile idiota senza se e senza ma. Le regole sono semplici, consigliare sempre non esporsi mai. Stare sempre con chi vince e comunque mai contro chi vince. Insomma una vita grama. Nelle società odierne, forse il ruolo di questi soggetti potrebbe essere anche capito. Se infatti gli ideali traballano perché esporsi senza avere un vero interesse come tornaconto? Ed allora secondo alcune scuole di pensiero potrebbe essere anche compreso… Certo che i tempi sono cambiati e anche parecchio. In passato l’uomo del sapere era colui che metteva la barra al centro, che dispensava consigli ai bisognosi, che spesso aveva funzioni di rappresentanza importanti,  che aveva e dava rispetto, insomma quel che si dice un Signore. Dovremmo forse riscoprire gli ideali ed i classici greci ed il vero valore intrinseco della religione Cattolica, oggi sempre più in crisi di identità confondendosi con la odierna società..

Continua a leggere “Wojtyla e Ratzinger: che stupidi sono stati, a non pensarci prima…!”

La cecità di fronte la crisi della Chiesa

«Domine, quo vadis?» gli chiese Pietro al quale Cristo rispose: «Vado a Roma a farmi crocifiggere». Una frase che spinse il primo Papa a tornare per affrontare la sorte che lo attendeva, ovvero il martirio.

Appia Antica, 22 ottobre 2017, si stacca il fregio papale dalla chiesa del «Quo vadis»
Una notizia post-datata ma molto significativa, oggi, che così riportava:

Continua a leggere “La cecità di fronte la crisi della Chiesa”