Nessun Papa è al di sopra della Tradizione

Sono passate poco più di due settimane della promulgazione del motu proprio Traditionis custodes con cui papa Francesco ha abolito il motu proprio Summorum Pontificum di Benedetto XVI. Dopo aver dato ampio spazio alla triste vicenda, abbiamo deciso di lasciar passare un po’ di tempo prima di tornare sull’argomento, affinché gli animi si potessero calmare. Molte autorevoli personalità hanno commentato quest’ennesima dispotica decisione del papa regnante, da tutti i punti di vista, da quello canonico a quello teologico, passando naturalmente da quello liturgico. Abbiamo deciso di sottoporre all’attenzione dei nostri lettori un ottimo articolo di Martin Mosebach (autore della famosa opera L’eresia dell’informe. La liturgia romana e il suo nemico, 2009), in una nostra traduzione, pubblicato su First Things il 30 luglio (col titolo originale Mass and memory). Il grande scrittore tedesco contemporaneo ci ricorda che nessun papa, per quanto governi in modo tirannico e arbitrario e persino animato dall’ermeneutica della rottura, potrà mai abolire o cancellare la Tradizione della Chiesa, di cui il rito romano fa parte fin dai tempi degli apostoli.

di Martin Mosebach (30-07-2021)

Col motu proprio Traditionis Custodes, papa Francesco ha dato un ordine. Lo fa in un momento in cui l’autorità papale si sta disfacendo come mai prima d’ora. La Chiesa è da tempo giunta ad uno stato ingovernabile. Ma il Papa continua a combattere. Abbandona i suoi principi più cari – “ascolto”, “tenerezza”, “misericordia” – che rifiutano di giudicare o dare ordini. Papa Francesco è scosso da qualcosa che lo turba: la Tradizione della Chiesa.

Martin Mosebach

Il limitato respiro che i predecessori del papa hanno concesso alla tradizione liturgica non è più occupato solo da nostalgici senili. La Messa tradizionale in latino attira anche i giovani, che hanno scoperto e imparato ad amare il “tesoro nascosto nel campo”, come papa Benedetto ha chiamato l’antica liturgia. Agli occhi di Papa Francesco, questo è così grave che deve essere cancellato.

La veemenza del linguaggio [della lettera di accompagnamento] del motu proprio suggerisce che questa direttiva è arrivata troppo tardi. Gli ambienti che aderiscono alla tradizione liturgica sono infatti drasticamente cambiati negli ultimi decenni. Alla Messa tridentina non partecipano più solo coloro che sentono la mancanza della liturgia della loro infanzia, ma anche coloro che hanno riscoperto la liturgia e ne sono affascinati, compresi molti convertiti, molti che sono stati a lungo lontano dalla Chiesa. La liturgia è la loro passione e ne conoscono ogni dettaglio. Tra loro ci sono molte vocazioni sacerdotali. Questi giovani non frequentano solo i seminari tenuti dalle fraternità sacerdotali della Tradizione. Molti di loro seguono la consueta formazione al sacerdozio, e sono tuttavia convinti che la loro vocazione sia rafforzata proprio dalla conoscenza del rito tradizionale. La curiosità per la Tradizione cattolica eliminata è cresciuta, anche se molti avevano descritto questa tradizione come obsoleta e malsana. Aldous Huxley ha illustrato questo tipo di stupore ne Il mondo nuovo, in cui un giovane dell’élite moderna, senza un senso della storia, scopre le ricchezze traboccanti della cultura premoderna e ne rimane incantato.

L’intervento del Papa può ostacolare per qualche tempo la crescita del recupero liturgico della tradizione. Ma potrà fermarlo solo per il resto del suo pontificato. Perché questo movimento tradizionale non è una moda superficiale. Ha dimostrato nei decenni della sua repressione prima del motu proprio Summorum Pontificum di Benedetto che persiste una devozione seria ed entusiasta alla completa pienezza del cattolicesimo. Il divieto di papa Francesco susciterà resistenza in chi ha ancora la vita davanti e non permetterà che il proprio futuro venga oscurato da ideologie obsolete. Non era buono, ma non era nemmeno saggio, mettere alla prova l’autorità papale.

Papa Francesco vieta le messe in rito antico nelle chiese parrocchiali; esige che i sacerdoti ottengano il permesso di celebrare la Messa antica; chiede anche ai sacerdoti che non hanno ancora celebrato nel rito antico di ottenere questo permesso non dal loro vescovo, ma dal Vaticano; e richiede un esame di coscienza dei partecipanti alla Messa antica. Ma il motu proprio di Benedetto Summorum Pontificum ragiona su un piano totalmente diverso. Papa Benedetto non ha “permesso” la “vecchia Messa” e non ha concesso alcun privilegio per celebrarla. In una parola, non ha preso un provvedimento disciplinare che un successore può ritirare. La novità e la sorpresa del Summorum Pontificum è la dichiarazione che la celebrazione dell’antica Messa non necessita di alcun permesso. Non era mai stato proibito perché non poteva essere proibita.

Si potrebbe concludere che qui troviamo un limite fisso, invalicabile, all’autorità di un papa. La Tradizione sta al di sopra del Papa. La Messa antica, radicata profondamente nel primo millennio cristiano, è, in linea di principio, al di là dell’autorità del papa, quindi non può essere proibita. Molte disposizioni del motu proprio di papa Benedetto possono essere accantonate o modificate, ma questa decisione magisteriale non può essere eliminata così facilmente. Papa Francesco non tenta di farlo, lo ignora. Rimane in piedi, anche dopo il 16 luglio 2021, il riconoscimento dell’autorità della Tradizione secondo cui ogni sacerdote ha il diritto morale di celebrare il vecchio rito mai proibito.

La maggior parte dei cattolici del mondo non si interesserà affatto del Traditionis Custodes. In considerazione del piccolo numero di comunità tradizionaliste, la maggior parte difficilmente capirà cosa sta succedendo. C’è infatti da chiedersi se il Papa non avesse faccende più urgenti – in mezzo alla crisi degli abusi sessuali, agli scandali finanziari della Chiesa, ai movimenti scismatici come il cammino sinodale tedesco e alla situazione disperata dei cattolici cinesi – che cancellare questa piccola comunità devota.

Ma gli aderenti alla Tradizione devono concedere al Papa questo: come loro, pure lui prende sul serio la messa tradizionale, che risale almeno ai tempi di Gregorio Magno. Lui, però, la giudica pericolosa. Scrive che i papi in passato crearono più e più volte nuove liturgie e abolirono quelle vecchie. La verità è l’opposto. Piuttosto, il Concilio di Trento prescrisse l’antico messale dei papi romani – sorto nella tarda antichità – per uso generale, perché fu l’unico che non venne rovinato dalla Riforma protestante.

Forse non è la Messa antica ciò che più preoccupa il Papa.

Francesco sembra simpatizzare per l’ermeneutica della rottura, quella scuola teologica che afferma che con il Concilio Vaticano II la Chiesa ha rotto con la sua Tradizione. Se questo è vero, allora ogni celebrazione della liturgia tradizionale deve essere impedita.

Finché la Messa antica in latino sarà celebrata in un garage, il ricordo dei duemila anni precedenti non si estinguerà. Questa memoria, tuttavia, non può essere sradicata dall’esercizio brusco del positivismo giuridico pontificio. Tornerà ancora e ancora, e sarà il criterio con cui la Chiesa in futuro dovrà misurarsi.

(Fonte: First Things)

12 pensieri riguardo “Nessun Papa è al di sopra della Tradizione

  1. Quando sento di questo vostro furore per aspetti esteriori come la lingua con cui si celebra la Messa, e che parlate di tradizione ma denigrate il Santo Padre, mi sovvengono le parole di Gesù: ” Farisei ipocriti, sepolcri imbiancati”.
    Voi che vi sentite i soli giusti, possiate incontrare il volto misericordioso di Cristo. Mi consola il fatto che, ad onta delle parole di questo articolo, siete 4 gatti sempre più avulsi dal mondo e dalla Chiesa

    "Mi piace"

    1. Complimenti, caro crincio! Il suo basso livello di carità è ben evidente dalla veemenza verbale di questo suo commento. E, a proposito di farisei, le consiglio di rileggersi la parabola del fariseo e del pubblicano.

      Piace a 2 people

    2. ma dove sta la denigrazione? e da quando in qua la persona di un papa, chiunque egli sia, ha più valore della Messa, del culto a Dio? Mi pare di scorgere nell’articolo una pacata critica alla scelta fatta da un papa, una scelta infelice e che penalizza la Tradizione della Chiesa. Giovanni Paolo II, che è stato canonizzato, aveva aperto la strada per ridare alla Chiesa il suo rito romano apostolico antico, poi Benedetto XVI con il Summorum Pontificum lo aveva ristabilito come fu giusto che fosse, spiegato da lui nella Lettera ai vescovi, ora Francesco ha deciso di spazzare via tutto e riportarci a 50 anni fa, come se nulla fosse accaduto, abolisce non tanto il rito che nessun papa può abolire, ma il poter celebrare quel rito, e questo è un atto dispotico, non si può vietare il culto a Dio e papa Francesco non lo vieta, ma impone la riforma e questo non è un atto caritatevole. I veri discepoli di Cristo sono sempre stati 4 gatti, le masse sono altra cosa, ma non è detto che difendano la Verità, la Chiesa non è democrazia e non va avanti con le maggioranze, ma proprio con le minoranze fedeli al Cristo e a quanto la Chiesa ha insegnato in duemila anni e non negli ultimi cinquanta.

      Piace a 2 people

    3. Gentile crincio,
      proprio perché la Tradizione c’insegna a rispettare il Papato abbiamo fondato questo blog: non bisogna confondere l’istituzione del Papato con il papa regnante, chiunque esso sia. Non troverà niente, nelle nostre cronache e nei nostri editoriali, di denigratorio nei confronti della persona di papa Francesco: non facciamo altro che raccontare i fatti e commentarli. Il Diritto canonico ci consente di farlo (212.3) ed è stato ribadito dallo stesso papa Francesco ai vescovi italiani il 28 maggio del 2018: «Non è peccato criticare il Papa, si può fare…».
      Riguardo le altre sue accuse, le rammentiamo che la liturgia non è una mera questione esteriore, né tanto meno una questione di devozione soggettiva, bensì il culto divino, l’adorazione che Dio vuole da noi, per ciò la forma e la sostanza devono teologicamente combaciare.
      E poi, ci scusi, se siamo quattro gatti avulsi dal mondo (e questo per noi è un vanto) e persino dalla Chiesa (e questo è da dimostrare, dato che la Chiesa non è solo la sua Gerarchia), perché la necessità di tanta brutalità nel “rieducarci” o nel cacciarci?
      PS: Chi collabora a questo blog non va solo al Vetus Ordo Missae, ma anche al Novus Ordo Missae.

      Piace a 1 persona

    1. Ci spiace Giacomo, ma fino a prova contraria (che dovrà essere la Chiesa ad esplicitare) e che le piaccia o meno, Bergoglio è stato eletto successore di Benedetto XVI il quale ha accettato, riconosciuto e accolto la sua elezione a Papa con tutta la Chiesa (collegio cardinalizio), fatevene una ragione. Su tutto il resto si può discutere.

      "Mi piace"

      1. Beh, se lo riconoscete voi stessi come vostro legittimo papa, riconoscete semplice mente di non meritarne di meglio. Buon pro vi faccia.

        "Mi piace"

  2. Quel signore che parla di quattro gatti (anche se i siti che “miagolano” a loro favore sono ben più di quattro!) sappia che questo Motu (im)Proprio ha scandalizzato anche molti che frequentano il vetus ordo poco o per niente. Ci mediti su…..
    Bruno PD

    "Mi piace"

      1. Preghiamo per la conversione e la perseveranza finale di tutti noi. Nessuno può dire di avere la salvezza assicurata.

        "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...