Messe private proibite in San Pietro, il card. Zen: “Sono pronto a mettermi in ginocchio davanti a Santa Marta fino a che il Santo Padre farà ritirare quell’editto”

Abituato a lottare contro il feroce regime comunista cinese, il cardinale Zen non si tira mai indietro quando c’è da combattere una battaglia giusta.

di Sandro Magister (30-03-2021)

Poche ore dopo la pubblicazione su Settimo Cielo della richiesta del cardinale Robert Sarah al papa di ritirare il divieto di celebrare messe “individuali” nella basilica di San Pietro, a Hong Kong il cardinale Giuseppe Zen Zekiun ha messo in rete nel suo blog la seguente “lettera aperta al cardinale Sarah”, in cinese, in inglese e in italiano. Eccola trascritta parola per parola.


A Sua Eminenza Card. Robert Sarah

Cara Eminenza,

Dolore ed indignazione invadono il mio cuore a sentire certe incredibili notizie: hanno proibito le messe private in S. Pietro!

Se non fosse per le restrizioni imposte dal Coronavirus io prenderei il primo volo per venire a Roma e mettermi in ginocchio davanti alla porta di Santa Marta finché il Santo Padre faccia ritirare quell’editto.

Era la cosa che più fortificava la mia fede ogni volta che venivo a Roma: alle sette precise si entra in sagrestia (incontravo quasi sempre il sant’uomo, l’arcivescovo e poi cardinale Paolo Sardi), un giovane prete si fa avanti e mi aiuta a vestire i paramenti, poi mi portano ad un altare (in basilica o nelle grotte non fa differenza per me, siamo nella basilica di San Pietro!). Penso che sono state le messe che, in vita mia, ho celebrato con più fervore e commozione, qualche volta con le lacrime pregando per i nostri martiri viventi in Cina (ora abbandonati e spinti nel seno della chiesa scismatica dalla “Santa Sede” [cosi si presentava quel documento del giugno 2020 senza firme e senza la revisione della Congregazione per la dottrina]).

È momento di ridimensionare lo strapotere della segreteria di Stato. Via le mani sacrileghe dalla casa comune di tutti i fedeli del mondo! Si accontentino di giocare la diplomazia mondana con il padre della menzogna. Facciano pure della segreteria di Stato “un covo di ladri”, ma lascino in pace il devoto popolo di Dio!

“Era notte!” (Giovanni 13:30)

Suo fratello Giuseppe Zen, SDB

(Fonte: SettimoCielo)

Un pensiero riguardo “Messe private proibite in San Pietro, il card. Zen: “Sono pronto a mettermi in ginocchio davanti a Santa Marta fino a che il Santo Padre farà ritirare quell’editto”

Rispondi a Maria Grazia Miccheli Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...