La “pensione” del card. Wuerl: quando il denaro non è lo sterco del diavolo…

Il cardinale Wuerl, arcivescovo emerito di Washington, DC, che fu costretto a dimettersi per essere rimasto coinvolto nello scandalo McCarrick, riceve ogni anno dall’Arcidiocesi circa 2 milioni di dollari per continuare le attività del suo ministero. “L’importo è più del doppio di quello dato alla formazione dei sacerdoti nello stesso anno”, scrive LifeSiteNews in un articolo che vi proponiamo con una nostra traduzione.

di Michael Haynes (04-03-2021)

I registri finanziari dell’arcidiocesi di Washington hanno rivelato che l’ex arcivescovo di Washington, il cardinale Donald Wuerl, caduto in disgrazia, ha ricevuto oltre 2 milioni di dollari l’anno scorso per “continuare le attività del ministero” in pensione.

The Pillar ha riportato per la prima volta come Wuerl avesse ricevuto $ 2.012.639 per ciò che è stato descritto come “attività ministeriale continuativa” durante l’anno fiscale 2020. La cifra era aumentata rispetto all’anno precedente, che ha visto $ 1.488.059 incanalati all’arcivescovo emerito.

Il card. Wuerl è stato uno dei grandi elettori di Papa Francesco al Conclave del 2013.

Il denaro fu assegnato a Wuerl dal Central Pastoral Administration, attingendo al patrimonio netto che non era gravato da alcuna restrizione ai donatori.

L’importo era più del doppio di quello destinato alla formazione dei sacerdoti nello stesso anno, che ammontava a $ 1.000.481. Nel 2019 l’indennità di Wuerl aveva ugualmente superato il fondo di formazione sacerdotale.

In particolare, le “donazioni di beneficenza dell’arcidiocesi” sono scese in modo significativo da $ 651.136 nel 2019 a $ 401.136 nel 2020.

Per mettere i 2 milioni di dollari di Wuerl in ulteriore contrasto con le altre spese del 2020: 3.820.594 dollari sono stati spesi per “prestazioni di pensionamento sacerdotali e cure mediche”; 2.364.396 $ sono stati dati a titolo di “compenso del clero e dei religiosi”; $ 3.540.140 sono stati spesi per i “benefici” del clero. I dati del 2019 elencano oltre 280 sacerdoti diocesani, 460 sacerdoti religiosi e 143 sacerdoti esterni presenti nell’arcidiocesi, senza contare i diaconi permanenti, o i fratelli e le sorelle religiosi.

In ogni caso, la grande quantità non sembra essere fuori norma per lo stile di vita di Wuerl. Nel 2015, George Neumayr, di The American Spectator, ha scoperto che Wuerl viveva in un attico in Embassy Row, nella parrocchia di Nostra Signora Regina delle Americhe. Il complesso stesso è stato valutato a quasi $ 43 milioni nel 2016. Neumayr ha commentato che “in questi presunti giorni di modestia sotto Francesco, lui [Wuerl] rimane il principe di Embassy Row”.

Neumayr ha notato come l’edificio fosse condiviso con “un nido di marxisti, socialisti e liberali”, osservando le somiglianze tra Wuerl e i suoi vicini: “Come un membro viziato della nomenklatura rossa, Wuerl attende quel giorno glorioso in cui tutte le classi saranno abolite tranne la sua, l’élite della sinistra globale al cui servizio ha dedicato il suo episcopato decadente, eterodosso e apertamente ipocrita”.

Wuerl, che ora ha 80 anni, è stato nominato cardinale nel 2010 da Papa Benedetto XVI. Era stato nominato arcivescovo di Washington nel 2006, carica che ha ricoperto fino all’ottobre 2018, succedendo all’ex cardinale Theodore McCarrick . In precedenza, è stato vescovo di Pittsburgh dal 1988 al 2006.

Perché una somma di denaro così elevata?

Con la rivelazione delle finanze dell’arcidiocesi, vengono sollevate domande sul motivo per cui Wuerl riceve una somma di denaro così alta ogni anno, con alcuni che suggeriscono che conosce informazioni che richiedono un sostanziale pagamento. La domanda non è senza precedenti.

Quando Wuerl è per un po’ scomparso dalla vita pubblica nel 2018, dei rapporti suggerivano che si era nascosto per paura di indagini da parte del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti e che Papa Francesco era preoccupato che Wuerl, se fosse stato arrestato, avrebbe rivelato dei segreti.

Le dimissioni di Wuerl da Washington nel 2018 sono state accompagnate da una serie di accuse, secondo cui aveva gestito male e coperto casi di abusi sessuali criminali da parte di sacerdoti mentre era vescovo di Pittsburgh. In un ampio rapporto del Gran Giurì sugli abusi sessuali criminali, pubblicato nell’agosto 2018, Wuerl è stato menzionato circa 200 volte.

Il rapporto ha rilevato che 301 sacerdoti della Pennsylvania hanno abusato di oltre 1.000 bambini e Wuerl è stato accusato di essere a conoscenza di preti predatori e di averli trasferiti in diverse diocesi. Mentre riferiva al Vaticano riguardo ai danni che questi sacerdoti creavano per la Chiesa, Wuerl mantenne anche le loro azioni nascoste ai parrocchiani.

Il rapporto ha anche rivelato tattiche che erano state precedentemente utilizzate negli archivi diocesani, al fine di nascondere la verità sui chierici abusatori, incoraggiando tattiche segrete e subdole e consigliando che “anche se un prete sta violentando dei bambini, si è continuato a fornirgli alloggio e spese di soggiorno, anche se potrebbe usare queste risorse per facilitare più aggressioni sessuali”.

Sempre nell’estate del 2018, l’ex nunzio pontificio negli Stati Uniti, l’arcivescovo Carlo Maria Viganò, ha accusato Wuerl di mentire affermando di non essere a conoscenza degli abusi sui seminaristi dell’ex cardinale McCarrick.

Viganò ha commentato che, negli Stati Uniti, Wuerl è stato “il primo ad essere stato informato” della censura di Benedetto XVI nei confronti di McCarrick, e il nunzio ha aggiunto che lui stesso ha parlato con Wuerl della questione, solo per scoprire che “mi è stato subito chiaro e che ne era pienamente consapevole”. Dopo la successiva negazione di Wuerl di conoscere la storia degli abusi di McCarrick, Vigano ha dichiarato che il cardinale “mente senza vergogna”, aggiungendo che Wuerl ha disobbedito a un ordine pontificio e ha permesso a McCarrick di “risiedere in un seminario a Washington DC., ad alto rischio [dei seminaristi, ndt]”.

Quando il tanto atteso Rapporto McCarrick è stato pubblicoto lo scorso autunno, sono state presentate copiose prove che rivelano che Wuerl era davvero a conoscenza della storia di McCarrick e dello scandalo che circondava l’ex prelato.

La risposta dell’arcidiocesi di Washington

LifeSiteNews ha contattato l’arcidiocesi di Washington per un commento sulla rivelazione delle finanze di Wuerl, ed è stato rilasciato un comunicato, che ha tentato di fugare ogni preoccupazione.

“I fondi nel nostro conto ‘Continuing Ministry Activities’ sono donazioni fatte da persone che vogliono coprire le spese e le esigenze ministeriali del card. Wuerl, comprese le spese di soggiorno, i viaggi precedenti a Roma, nonché le richieste di beneficenza da parte dell’arcivescovo emerito”, si legge nel comunicato.

Continuando, l’arcidiocesi ha affermato che i fondi “si sono accumulati nel tempo” e sono stati donati da benefattori che “non volevano che l’arcidiocesi fosse gravata da queste spese”. I restanti proventi sarebbero “utilizzati per sostenere gli scopi generali dell’arcidiocesi”.

Tuttavia, questa spiegazione lascia molto a desiderare. Presenta l’immagine di una somma data a Wuerl una tantum, fatta da molte donazioni ricevute nel tempo, quando in realtà Wuerl sembra ricevere regolarmente milioni, avendo ricevuto quasi $ 1,5 milioni per l’anno fiscale 2019, e poi $ 2 milioni nel successivo.

Un aumento di oltre $ 500.000 in denaro accantonato per Wuerl nel 2020, sembrerebbe anche indicare che i fondi non stavano trovando la strada per tornare agli “scopi generali dell’arcidiocesi”.

Washington, la sede dei prelati favoriti

Tali rivelazioni, ancora inspiegabili, su tali ingenti somme di denaro che vanno a un cardinale in pensione, che si presume viva una vita tranquilla, sono indicative del modello di comportamento di favoreggiamento che è costantemente mostrato nei confronti degli arcivescovi di Washington, alludendo al potere estremo che esercitano e di cui godono.

In particolare McCarrick, predecessore di Wuerl, è stato protetto da papa Francesco, nonostante la sua storia di abusi e comportamenti inappropriati, come rivelato dall’arcivescovo Viganò.

Il cardinale Wilton Gregory, successore di Wuerl, è stato nominato arcivescovo, elevato a cardinalato e poi mantenuto nel Dicastero per i laici, la famiglia e la vita da Papa Francesco. Tale costante benevolenza verso Gregory da parte di Francesco, nonostante la sua posizione pro-LGBT e una lunga storia di opposizione all’insegnamento morale cattolico tradizionale.

Lo stesso Wuerl è sempre stato “favorito” da Francesco. Nonostante abbia consegnato le sue dimissioni al Papa nel 2015, Francesco non le ha accettate fino al 2018. Quando sono emerse rivelazioni sul periodo di Wuerl a Pittsburgh, Francesco gli ha inviato una calorosa lettera, affermando che questi ha “il cuore di un vero pastore”.

Riferendosi al periodo trascorso da Wuerl a Pittsburgh, Francis ha scritto: “Hai elementi sufficienti per ‘giustificare’ le tue azioni e distinguere cosa significa coprire i crimini o non affrontare i problemi e commettere alcuni errori. Tuttavia, la tua nobiltà ti ha portato a non scegliere questa via di difesa. Di questo sono orgoglioso e ti ringrazio”.

(fonte: lifesitenews.com)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...