Paolo che resiste a Pietro sì; Lutero che delegittima Pietro no!

Ci siamo espressi più volte sulla validità dell’elezione a Romano Pontefice Jorge Mario Bergoglio, che ha scelto il nome di Francesco, e dell’importanza del riconoscerlo come tale, pur non risparmiandogli le giuste critiche e le doverose resistenze, secondo il Codice di Diritto Canonico (212.3). Questa volta lasciamo la parola ad un sacerdote che, usando il nickname “Investigatore Biblico”, spiega perché non si può risolvere il problema di questo disastroso pontificato delegittimandolo, né tanto meno allontanando i fedeli dai sacramenti. Guai a chi semina zizzania dove già ce n’è!!

di Investigatore Biblico (03-12-2020)

Mi sembra doveroso dedicare un articolo su una questione teologica – di non poca importanza – sollevata dal confratello Don Alessandro Minutella.
Premetto che non provo sentimenti negativi nei confronti di Don Alessandro.
Non spenderò parole riguardo alle due scomuniche e al valore che esse possano avere nell’ottica di questo articolo. Quello che posso affermare è che la logica mi suggerisce che sia un Sacerdote comunque mosso da sincerità, serietà e zelo per il Vangelo.

La gerarchia, mi rincresce dirlo, non si è mai preoccupata di incontrarlo, discutere su basi realmente dottrinali e quali fossero i punti da lui sollevati. Punti che in parte condivido io stesso.

Nonostante tutto, in questa dissertazione, desidero uscire da un ottica emotiva, opinionistica e allontanarmi possibilmente dallo schierarsi a favore o meno di Minutella: tali prese di posizione – ho potuto riscontrare – sono inficiate spesso da pregiudizi o considerazioni sommarie.
Scrivo questo come introduzione all’argomento poiché in rete ho visto un esagerato, per l’appunto, schierarsi in fazioni, anche tra chi cerca di difendere la Tradizione.
E’ doveroso affrontare alcune questioni sulla base di elementi Dottrinali e Canonici.
Purtroppo, come suppongo i lettori ne soffriranno, le dispute religiose ormai si basano su tutt’altro, alimentate dal circo mediatico.

La principale argomentazione che voglio affrontare in questa sede è quella più cruciale: l’una cum Papa Francisco.

Rifletto su questo tema da parecchio tempo: sono perplesso sulla tesi portata avanti con forza dal confratello Minutella.
In un articolo pubblicato da Marco Tosatti viene citata una parte del nuovo libro di Don Alessandro [Sac. Alessandro Minutella, Pietro dove sei?] dedicata al tema dell’una cum.
In esso Don Minutella pone una questione: è lecito per i fedeli laici partecipare alla Messa in comunione con Papa Francesco? Nel suo libro il confratello parte dal presupposto che il Papa sia caduto più volte nell’eresia.

Innanzitutto mi conforta il fatto che Don Alessandro non abbia più definito invalida qualsiasi Messa celebrata in unione con Papa Francesco, ma che attualmente faccia riferimento alla sola liceità. Purtroppo definire invalida qualsiasi Messa celebrata in qualsiasi Chiesa al mondo risultava un errore davvero troppo grossolano per un Teologo del suo calibro. Lui stesso infatti ha successivamente ammesso: “Il proclama di una messa invalida in comunione con papa Francesco è stato un tentativo pastorale estremo per evitare che i fedeli cattolici si macchiassero di tale grave colpa, come quando una mamma minaccia l’arrivo del mostro se il bambino vuole a tutti i costi esporsi al pericolo”.
Tentativi pastorali per mettere in guardia i fedeli, quindi.
Tuttavia Don Alessandro non ha considerato i danni pastorali che si sono generati. Riporto un esempio tratto da esperienza personale: alcuni fedeli di mia conoscenza non vanno più a Messa la Domenica proprio perché pensano che la Messa non sia valida, venendo nominato nell’una cum Papa Francesco.

Quindi, all’atto pratico: se non trovano una Messa Vetus Ordo in zona, preferiscono stare a casa. Questo, al contrario, è commettere un peccato. Si passa dalla padella alla brace.

Sono tre gli aspetti che vorrei sottolineare.
Primo: molti fedeli che prima si comunicavano regolarmente ora non lo fanno più con la stessa costanza; secondo: sappiamo bene che se un’anima smette di comunicarsi con frequenza gli attacchi del demonio sono sempre maggiori e maggiori sono le circostanze di caduta nel peccato; Terzo: a un umile prete e pastore di anime come don Alessandro chiedo: come puoi permettere che i fedeli restino senza lo scudo spirituale dell’Eucaristia, in balia delle onde – o cavalloni direi -, dello smarrimento, della confusione, della rabbia, tutte cose che rendono il terreno fertile per la semina del nostro nemico?
In questi casi dobbiamo avere il coraggio di fare nostre le parole di San Paolo: “Vorrei infatti essere io stesso anàtema, separato da Cristo a vantaggio dei miei fratelli” (Rm 9,3). Dal testo greco abbiamo: “ηὐχόμην γὰρ ⸂ἀνάθεμα εἶναι αὐτὸς ἐγὼ⸃ ἀπὸ τοῦ Χριστοῦ ὑπὲρ τῶν ἀδελφῶν μου τῶν συγγενῶν μου κατὰ σάρκα”. Dove i termini chiave di riflessione sono:
“anathema”: oggetto di maledizione;
“ego apò toù Kristoù”: separato da Cristo.
Questa parola di San Paolo ci fa riflettere seriamente – mi rivolgo in particolare ai Sacerdoti -: preferire piuttosto l’essere considerato oggetto di maledizione e separato da Cristo a vantaggio dei fratelli.

Don Alessandro, comprendo i tuoi sentimenti. Oggi regna una confusione mai avvenuta prima d’ora nella Chiesa. Ma occorre essere talvolta pronti a fare un passo indietro, a vantaggio delle anime che ci sono state affidate. Le anime possono restare turbate e confuse. E come dicevo poco fa, questo stato di cose può rendere fertile il terreno per il nemico.

Ora parliamo di un altro aspetto – per molti cruciale – su cui Don Alessandro fonda il suo pensiero. Egli scrive: “Un cattolico non può andare a Messa disinteressandosi di chi sia veramente il papa, quando ne esiste più di uno!”.
Secondo quanto egli afferma, un fedele che partecipa alla Messa nella quale si nomina Papa Francesco cadrebbe in stato di peccato, sulla base della convinzione che Papa Bergoglio sia eretico, un Anti-Papa, e la Messa celebrata invalida/illecita.

Innanzitutto voglio fare profonda chiarezza su questo punto.
Il Papa è sempre uno solo. Ed è Papa Francesco, che ci piaccia o meno.

Il fatto che Benedetto XVI abbia introdotto per la prima volta la presenza di un ministero petrino non attivo e soltanto spirituale (cfr ) non elimina in alcun modo la realtà delle sue dimissioni (abdicazione) da Papa attivo e, di conseguenza, da guida concreta e visibile della Chiesa. Si legga a tal proposito ciò che resta agli atti: la declaratio di rinuncia.

Si collega a questo punto del discorso un altro anello: la validità del Conclave 2013 definito da molti invalido in quanto manipolato da vizi di forma o sostanza.
Per decretare la nullità di un Conclave non sono sufficienti le ipotesi giornalistiche e nemmeno le rivelazioni private. Questo, Don Alessandro, lo sai molto bene.
Per rendere nullo un Conclave – atto gravissimo e drammatico – devono sussistere delle condizioni precise. Consiglio a riguardo la lettura di questo articolo del Prof. Guido Ferro Canale.
Come non citare la discutibile elezione, verosimilmente ‘comprata’, di Alessandro VI nel 1492, per la quale fu accusato di simonia?
Tuttavia fu eletto, divenne Papa, e nessuno lo ha potuto spodestare.
Possiamo permetterci di giudicare il suo comportamento morale definendolo discutibile?
Indubbiamente ci possiamo ragionare, ma sarà Dio a giudicare.
Ma fu Papa: e mai cadde in eresia.

Veniamo all’oggi e a Papa Francesco.
Ripeto, che la cosa piaccia o meno, Jorge Mario Bergoglio è Papa fino a comprovata e formale prova contraria.
Io stesso resto perplesso e confuso davanti a certe sue affermazioni.
Appurato questo, qualcuno di noi può affermare inderogabilmente che Papa Francesco si sia mai espresso in modo eretico ex cathedra?
Negativo. Per questo non è formalmente eretico.
Sul fatto che faccia affermazioni altamente discutibili – in modo del tutto personale – non ci piove.
Ma l’accusa di eresia e l’eventuale deposizione di un Pontefice deve seguire un percorso preciso nella Chiesa.
Egli allo stato attuale non può essere definito formalmente un Papa eretico, ripeto.

Di conseguenza non può avere fondamento l’affermazione di Don Alessandro “il fedele pecca se partecipa a una Messa una cum con Francesco”, riprendendo erroneamente alcuni concetti espressi da San Tommaso D’Aquino.

Un Papa può sbagliare? Certamente.
Un Papa è’ infallibile SOLO ed ESCLUSIVAMENTE quando si esprime ex cathedra in materia di fede e di morale.
Quindi, non in una intervista, non in un reportage cinematografico, o in qualsiasi altra forma. Il fedele può non abbracciare un’affermazione del Papa, se considerata sviante dalla Dottrina e detta fuori dal contesto ex cathedra, ma non può arrogarsi il diritto di non riconoscerlo come Papa regnante, Vicario di Cristo.
(Lo stesso atteggiamento deve valere nel giudizio nei confronti della Chiesa stessa. Definirla una multinazionale della vergogna non è un atteggiamento caritatevole e fruttifero. Voglio fare un esempio per chi ha lo stomaco forte: pensate a un figlio che insultasse la propria madre, definendola una puttana, nonostante gli sbagli che possa aver commesso di fronte al figlio. Non cade forse egli stesso in un peccato grave?)

Ricordiamo che anche San Pietro sbagliò pesantemente. In Matteo 26,72 troviamo l’emblema dello sbaglio di Pietro: il rinnegamento.
Pietro dice di Gesù: “Non conosco quell’uomo”. In greco: “Οὐκ οἶδα τὸν ἄνθρωπον” – “ouk oìda tòn antropon” – “ouk oida: NON CONOSCO”.
Pietro afferma, davanti ad una giovinetta, di non conoscere Gesù.
Questo dopo aver visto i miracoli e le sue opere straordinarie – la moltiplicazione dei pani e dei pesci, le risurrezioni, i ciechi guariti alla vista, gli storpi raddrizzati -, dopo aver lui stesso camminato sull’acqua, dopo essere stato nominato PAPA DIRETTAMENTE da Cristo.
Dopo tutto questo vissuto, Pietro dice: NON LO CONOSCO.
Cristo Gesù di contro come reagisce? Lo solleva dal mandato di Papa? Lo accusa di essere falso cacciandolo? Al contrario lo guarda con Misericordia. E da questo Pietro ricomincia e si converte.

La Chiesa non è guidata da noi uomini e nemmeno i ministri di Dio possono prendere il posto di Dio, poiché la Chiesa è sempre e comunque guidata dallo Spirito Santo.
Chi non crede in questo manifesta un’aperta sfiducia nei confronti di quanto Gesù ha promesso (non praevalebunt).
E’ interessante una frase di San Vincenzo de Lerins: “Dio alcuni Papi li dona, altri li tollera, altri ancora li infligge”. Ma sempre Papi restano.

E ancora sulla questione una cum, nonostante gli errori di traduzione, nonostante quello che si possa pensare della pastorale di Papa Francesco, il dovere di andare a Messa non è sindacabile.
Rechiamoci in Chiesa e riceviamo Gesù Eucaristia, come di dovere per un Cattolico!
Adoriamolo nel Santissimo Sacramento, che, ricordo, è valido. Chi afferma il contrario incorre in gravissimi errori: state ben attenti alla zizzania che il nemico vuole portare. Non aggiungetene ulteriormente!
Chi gradisce la Messa Vetus Ordo, sia benedetto e partecipi al rito antico. Ma se non ci fosse a disposizione, si cade nel peccato non recandosi a Messa! Sono le basi del Catechismo, amici.

Andare a Messa non è peccato. E’ un obbligo!

Sono certo che questo articolo farà venire molti mal di pancia ai sostenitori di Don Alessandro, ma reputo necessario approfondire determinati aspetti.
La lotta deve essere fatta dall’interno, nella resistenza, non staccandosi dal Corpo, formando fazioni di fazioni di fazioni.
Chi una variante, chi l’altra.
Facciamo solo il gioco del nemico.
Lasciamo al Maestro, Gesù Cristo, decidere quando e come risolvere qualsiasi frattura nella SUA CHIESA, resistendo e rimanendo ancorati agli insegnamenti di sempre.

[IB:“Duilio, spero che i lettori non abbiano frainteso le mie parole, che non mi bòllino come membro di qualche precisa fazione; sai…è un momento di grande confusione nella Chiesa…”
D:“Non riesco a capire, sir, se rischio partecipando alla Messa. Chitarre, bonghi, “non abbandonarci” invece di “non ci indurre”, “rugiade”, inchini di pace, disinfettante invece dell’acqua Santa, omelie sulla raccolta della plastica, l’inferno è vuoto…ho mal di testa…”
IB:“Duilio, ti faccio una domanda: Gesù Sacramento è nel Tabernacolo?”
D:“Si, sir, lo è!”
IB:“E vuoi lasciarlo solo in mezzo a questo casino?!”]*

*Retropensiero dell’autore. Vuoi un chiarimento sul contenuto? Vai qui.

(fonte: investigatorebiblico.wordpress.com)

2 pensieri riguardo “Paolo che resiste a Pietro sì; Lutero che delegittima Pietro no!

  1. Gentile Renzo le rispondiamo da qui:
    un commento, di regola non può essere più lungo dell’articolo.
    Lei scrive commenti troppo lunghi che è impossibile analizzare punto per punto, in una pagina di commenti.
    Non è il solo commento a non esser stato accolto perché, i contenuti che volessero contribuire alla discussione, devono corrispondere a migliorare la comprensione del testo che proponiamo quale riflessione e non a stimolare le personali opinioni. Ai contenuti che proponiamo le risposte devono essere superiori (per forma, fonti attendibili e prove) al testo proposto e non peggiorarlo…

    Formuliamo i più cordiali Auguri di Buon Anno
    Lo Staff

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...