Card. Sarah: la Chiesa deve cambiare. Deve smettere di avere paura di scioccare.

Traduzione libera (dal sito Il Pensiero Cattolico) della meditazione rilasciata da SER Cardinal Sarah per Le Figarò, dal titolo Robert Sarah: «L’épidémie du Covid-19 ramène l’Église à sa responsabilité première: la foi»

Troppo spesso la Chiesa ha voluto dimostrare che era “di questo mondo” dedicandosi alle cause consensuali piuttosto che all’apostolato, deplora il cardinale guineano *.

La Chiesa ha ancora un posto in un’epidemia nel 21 ° secolo? A differenza di secoli fa, la maggior parte delle cure mediche è ora fornita dallo stato e dal personale sanitario. La modernità ha i suoi eroi secolarizzati in camice bianco e sono ammirevoli. Non ha più bisogno di battaglioni di beneficenza di cristiani per prendersi cura dei malati e seppellire i morti. La Chiesa è diventata inutile per la società?

Il virus Covid-19 riporta i cristiani alle origini. In effetti, la Chiesa è da tempo entrata in una relazione distorta con il mondoDi fronte a una società che affermava di non averne bisogno, i cristiani, attraverso la pedagogia, cercavano di dimostrare che potevano esservi utili. La Chiesa si è dimostrata educatrice, madre dei poveri, “esperta di umanità” nelle parole di Paolo VI. Aveva ragione a farlo. Ma a poco a poco i cristiani finirono per dimenticare il motivo di questa competenzaHanno finito per dimenticare che se la Chiesa può aiutare l’uomo ad essere più umano, alla fine è perché ha ricevuto da Dio le parole della vita eterna.

La Chiesa è impegnata nella lotta per un mondo migliore. Ha giustamente sostenuto l’ecologia, la pace, il dialogo, la solidarietà e l’equa distribuzione della ricchezza. Tutti questi combattimenti sono giusti. Ma potrebbero far dimenticare la parola di Gesù: “Il mio regno non è di questo mondo”. La Chiesa ha messaggi per questo mondo, ma solo perché ha le chiavi dell’altro mondo. I cristiani a volte hanno pensato alla Chiesa come aiuto dato da Dio all’umanità per migliorare la loro vita qui sulla terra. E non mancavano di argomenti poiché la fede nella vita eterna fa luce sul modo giusto di vivere in questo secolo.

Il virus Covid-19 ha esposto una malattia insidiosa che stava divorando la Chiesa: pensava di essere “di questo mondo”. Voleva sentirsi legittima ai suoi occhi e secondo i suoi criteri. Ma è emerso un fatto radicalmente nuovo. La modernità trionfante è crollata prima della morte. Questo virus ha rivelato che, nonostante le sue assicurazioni e la sua sicurezza, il mondo sottostante rimane paralizzato dalla paura della morte. Il mondo può risolvere le crisi sanitarie. Arriverà sicuramente alla fine della crisi economica. Ma non risolverà mai l’enigma della morte. La sola fede ha la risposta.

Illustriamo questo punto in modo molto concreto. In Francia, come in Italia, la questione delle case di riposo, il famoso Ehpad, era un punto cruciale. Perché? Perché la questione della morte è nata direttamente. I residenti anziani dovrebbero essere confinati nelle loro stanze a rischio di morire di disperazione e solitudine? Dovrebbero rimanere in contatto con le loro famiglie a rischio di morire di virus? Non sapevamo come rispondere.

Lo stato, immerso in un secolarismo che sceglie in linea di principio di ignorare la speranza e di restituire i culti al dominio privato, è stato condannato al silenzio. Per lui, l’unica soluzione era fuggire la morte fisica ad ogni costo, anche se ciò significava condannare la morte morale. La risposta potrebbe essere solo una risposta di fede: accompagnare gli anziani verso una probabile morte, con dignità e soprattutto con la speranza della vita eterna.

L’epidemia ha colpito le società occidentali nel punto più vulnerabile. Erano organizzati per negare la morte, nasconderla, ignorarla. È entrata dalla grande porta! Chi non ha visto questi giganteschi obitori a Bergamo o Madrid? Queste sono le immagini di una società che recentemente ha promesso un uomo aumentato e immortale.

Le promesse della tecnologia consentono di dimenticare la paura per un momento, ma finiscono per essere illusorie quando colpisce la morte. Perfino la filosofia dà solo un po ‘di dignità a una ragione umana sommersa dall’assurdità della morte. Ma non è in grado di consolare i cuori e dare un significato a ciò che sembra esserne definitivamente privato.

Di fronte alla morte, non esiste una risposta umana che reggaSolo la speranza di una vita eterna può superare lo scandalo. Ma quale uomo oserà predicare la speranza? Ci vuole la parola rivelata di Dio per osare di credere in una vita senza fine. Hai bisogno di una parola di fede per osare di sperare in te stesso e nella tua famiglia. La Chiesa cattolica si rinnova quindi con la sua responsabilità primaria. Il mondo si aspetta da lei una parola di fede che le permetterà di superare il trauma di questo faccia a faccia con la morte che ha appena vissuto. Senza una chiara parola di fede e speranza, il mondo può sprofondare in una morbosa colpa o rabbia indifesa per l’assurdità della sua condizione. Solo questo può permettergli di dare un senso a queste morti di persone care, che sono morte in solitudine e sono state sepolte in fretta.

Ma poi la Chiesa deve cambiare. Deve smettere di avere paura di scioccare. Deve rinunciare a pensare a se stesso come a un’istituzione del mondo. Deve tornare alla sua unica ragion d’essere: la fede. La Chiesa è lì per annunciare che Gesù ha vinto la morte con la sua risurrezione. Questo è il cuore del suo messaggio: “Se Cristo non è stato risuscitato, la nostra predicazione è vana, la nostra fede è ingannevole e noi siamo il più miserabile di tutti gli uomini”. (1 Corinzi 15, 14-19). Tutto il resto è solo una conseguenza.

Le nostre società emergeranno indebolite da questa crisi. Avranno bisogno di psicologi per superare il trauma di non poter accompagnare gli anziani e i morenti nella loro tomba, ma avranno ancora più bisogno di sacerdoti che insegneranno loro a pregare e sperare. La crisi rivela che le nostre società, senza saperlo, soffrono profondamente di un male spirituale: non sanno dare senso alla sofferenza, alla finitudine e alla morte.

* Il cardinale Sarah è prefetto della Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti all’interno della Curia romana.

 

3 pensieri riguardo “Card. Sarah: la Chiesa deve cambiare. Deve smettere di avere paura di scioccare.

  1. La giusta pretesa dell’intervistatore, come di tutti i fedeli, è sentire parole di conforto del loro Pastore, vicario di Cristo. Una parola di Vita, Verità e Via che ci inviti a innalzare le nostre speranze in prospettiva escatologica, superiori alla morte corporale, che terrorizza lui per primo, blindato come è nei bunker vaticani, dimentico del Suo gregge, abbandonato nelle mani di governanti che ci hanno chiuso le chiese, la nostra vera speranza, ci hanno privati del vero Pane di Via, lui consenziente. Era ancora sotto shock per il mancato “miracolo” a lui negato da Cristo crocifisso e dalla Nostra Salvezza de Popolo Romano, entrambi da lui vilipesi ripetutamente senza la minima vergogna dell’abominio.
    Quel nano virus gli ha tolto il palcoscenico dell’accoglienza senza se e ma, senza la minima prudenza e diritto di una nazione a difendersi nei suoi più elementari diritti di cultura, di religione, di sussistenza. In sette anni ci ha bombardati di poveri economici da accogliere, da sfamare, da rispettare, da fare loro una casa, un lavoro, che neppure non tutti gli stessi italiani hanno, meritevoli questi poveri ed emigranti da doverci inginocchiare davanti a loro. Quante volte in 7 anni abbiamo sperato di sentire da lui parole come Dio Cattolico, Cristo, Spirito Santo, Maria, madre di Dio, madre di Gesù e madre nostra, la nuova Eva, Purissima, sine labe concepta, Immacolata! Inutilmente.
    Il suo vocabolario era di soli due termini: poveri di pane, migranti da accogliere, senza la minima “prudenza umana ed evangelica” che parla sì di povertà, ma di “povertà di spirito”, che il vero e profondo messaggio è beatitudine di Cristo, che, invece, fuggiva dalle folle affamate del pane da Lui moltiplicato.

    Certo, il Pastore Vicario ci ha illuminati… che non si trattava di moltiplicazione di 5 pani e pochi pesci, ma, che noi ignavi fedeli da 2000 anni credevamo veri miracoli ripetuti dal nulla, ma oggi, veniamo illuminati dal mancato Dottore in Teologia (Romano Guardini, non ti abbattere, era troppo complessa una tesi di dottorato su di te, che poteva approfondire su una materia del tutto sconosciuta per uno che non conosce neppure il 1′ Comandamento “non adorare l’idolo della Pachamama, o che ritiene secondario il V, o cancella il Dogma dell’Immacolata Concezione, o ci assicura che l’inferno e, quindi anche il Purgatorio, non esistono e che sono vuoti, per la Misericordia infinita di Dio, che dimenticandosi de Giusto Giudice, salverà pure satana e tutti i suoi accoliti. Ce lo ha svelata questa consolante certezza anche attraverso il suo confratello gesuita Sosa, mai da lui ripreso e condannato per evidente eresia, come pure quando tace sulla … scoperta che nessun Padre della Chiesa ci aveva svelato che i Vangeli non sono poi attendibili perché a quell’epoca ancora non era stato scoperto il … registratore! 2000 anni di Santi, Papi, Patrologi… avevano preteso di credere alle Parole di Vita Eterna donateci da NSGC.

    Noi fortunati, che, abbiamo fatto in tempo a vivere nell’età aurea attuale della Madre Terra o Pachamama amazzonica o, più propriamente, incas, illuminati da un Pastore che ci ha anche edotti che “è volontà di Dio la pluralità delle religioni, che tutte, quindi, sono vie di salvezza eterna, e che NSGG, non accortosi di questa Sua Volontà, è disceso tra noi peccatori, si è fatto uomo, ci ha ammaestrati nell’unica Verità, Vita Via e si è fatto da noi uccidere in croce per redimerci tra i più acerbi dolori… ed ora veniamo a sapere dal Tuo attuale Vicario, che sarebbe stato tutto inutile per Te, non esistendo neppure un Dio Cattolico, ma tanti dèi, una pluralità, una pletora (Giove, Shiva, Buddha, Confucio, ma … ante immediatamente immediatamente la sanguinaria Pachamama, la Madre Terra, da lui e dai suoi accoliti beanti e beoti, prosternati, adorata nei giardini vaticani, nella Basilica di S.Pietro, sulla tomba del primo Tuo santo Vicario, per seguire la sacrilega adorazione nella chiesa di … Santa Maria in Traspontina … !!! e se lo ha detto lui insieme ad adoranti Vescovi e Cardinali pronubi adoranti rivestiti di rosso-porpora raffigurante il Divino Tuo Sangue, dell’Agnello Immacolato, tanto da intronizzarla sull’altare a fianco al Santo dei Santi, all’unico Vero Dio e Cattolico … un miracolo della Tua infinita Misericordia, che ha trattenuto la Tua Santa mano per non incenerire all’istante i partecipanti ed aprire una voragine direttamente collegata al Cocito infernale fiammeggiante per l’eternità. O Cristo estremamente indulgente, o Madre di Dio e nostra, abbiate pietà di noi, siamo stanchi, esterrefatti, annichiliti da tanta eresia ed apostasia dei nostri pastori, che ci scandalizzano, tentano di divorarci da veri e famelici lupi del Tuo Santo Gregge, che hanno corretto il Tuo ultimo mandato di andare per tutto il mondo battezzando tutti con l’acqua dello Spirito Santo, poichè la evangelizzazione nel Tuo SS.mo Nome è una … grande sciocchezza.
    Dio Padre, Dio Figlio, Dio Spirito Santo, abbi pietà di noi. Maria, Madre dolcissima, poniamo nelle Tue SS.me mani immacolate la nostra umile supplica: che Cristo ci tolga tutto in questa vita, ma ci doni la Sua Vera Vita, nei secoli dei secoli per amarLo ed adorarLo insieme a Te, agli Angeli, ai Santi, per tutta l’eternità. Amen.

    "Mi piace"

    1. Bravo Renzo, complimenti. Hai interpretato alla perfezione cio’ che pensano tanti Cristiani rimasti aggrappati alla Dottrina Cattolica ereditata da Gesù Cristo e professata da tanti Martiri della prima ora e da tutti gli altri fino ad oggi e tramandataci dai Padri della Chiesa e tenuta viva da tsnti Papi fino al Santo Padre Benedetto. Preghiamo perché tutto questo finisca quanto prima. Luigi

      "Mi piace"

Rispondi a Renzo Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...