Bergoglio fa un mea culpa, ma son lacrime di coccodrillo!

In questo sinodo che ad altri piace chiamare “summit”, e forse lo è…. c’è ancora MENZOGNA, MENTONO SAPENDO DI MENTIRE, ed hanno continuato a mentire, non hanno affrontato la vera piaga che sta dividendo e dilaniando la Gerarchia stessa con la lobby gay il cui promotore, dovreste ricordarlo, è anche il gesuita James Martin messo lì da Bergoglio, cliccate qui…. tutti lo sanno, ma tutti continuano a tacere, però fanno gli atti penitenziali, seduti su comode poltroncine….

Che Papa Francesco mente sapendo di mentire, lo avevamo discusso in questo editoriale, portando le prove…. O se preferite qui, sui mille volti di Bergoglio….; oppure qui che ne siate consci o meno!! E non dimenticate quando mentì qui, davanti le telecamere, sapendo di mentire….

Ora ci mancavano le lacrime di coccodrillo e siamo davvero alla frutta! Ad offrirci questo editoriale come su un piatto d’argento è proprio il simpaticissimo Vatican-insipient, ops scusate – insider – qui, con una notizia che sa davvero di presa in giro se non altro perché, quando quella pagina pornografica (e perdonateci se ci tocca citarla) era guidata e gestita da (S)tornielli, ci si prese cura di infangare e vilipendere mons. Carlo Viganò proprio perché aveva detto quella verità che ora Bergoglio conferma con un “clamoroso” mea culpa…. o forse autogol!

Ma andiamo con ordine, per chi si fosse perso qualche puntata.

L’estate scorsa, mons. Carlo Maria Viganò coinvolge il vaticanista Aldo Maria Valli per una serie di “rivelazioni” molto scottanti sul coinvolgimento di alti prelati (si parla di cardinali) in casi di abusi sui seminaristi… e adolescenti, e ciò che per anni si sapeva ma si continuava a tacere, esplode per il coraggio di questo Vescovo che, da questo momento è persino costretto a vivere nascosto onde evitare danni alla sua persona… già seriamente minacciata. Aldo Maria Valli ne ha fatto un libro raccogliendo tutto il materiale che di volta in volta veniva pubblicato, vedi qui.

Aggiorniamo che è appena uscito anche il libro di Marco Tosatti  – vedi qui – che va dentro queste piaghe non per girarci il coltello, ma per tentare di farne uscire tutto il pus virulento…..

Senza alcun dubbio che da un caso del genere sarebbero esplose le tifoserie pro o contro mons. Viganò, fa parte delle nostre debolezze, se volete, e noi ci siamo schierati da subito con il Prelato, se non altro per le prove che portava con tanto di nomi e persino la richiesta di essere chiamato in Vaticano per dare ragione delle sue prove, ma naturalmente non venne ascoltato. Il Vatican-insipient non poteva non pubblicare “le veline” che di volta in volta…. gli passava la Santa Sede alla quale (S)tornielli non poteva dire di no vista l’alta posta in gioco che si è coronata poi come regalino di Natale…. il premio per aver obbedito ad “ordini superiori” mentre, è palese, che chi obbedisce al Vangelo e a Gesù Cristo, viene oggi perseguitato e sospeso a divinis….

Mons. Viganò tira in ballo, per esempio, il cardinale Marc Ouellet… il quale invece di tacere come avrebbe fatto meglio, risponde con una lettera allucinante perché, di fatto,  attaccando Viganò, alla fine però non lo smentisce, leggete qui. Ma il bubbone pestilenziale della sodomia prelatesca aveva coinvolto direttamente Bergoglio – vi ricordate? Mons. Viganò aveva fatto uscire  il primo comunicato sulle responsabilità, accusando direttamente Bergoglio di sapere dei fatti, ma di non aver fatto nulla anzi, di aver persino “promosso” l’allora cardinale McCarrick il quale – messo in punizione da Benedetto XVI a ritiro meditativo – Bergoglio lo ha rimesso in circolazione come suo inviato speciale…. (non dimenticate che Mc.Carrick è stato tra i più accaniti sostenitori per l’elezione di Bergoglio). Così quando papa Francesco era di ritorno da Dublino – cliccate qui per la cronologia dei fatti –  preso subito al laccio dalle domande dei giornalisti, disse candidamente:

  • “L’ho letto questa mattina. Devo dirvi questo: leggete voi attentamente e fatevi un giudizio. Non dirò una parola su questo. Credo che il comunicato parli da sé. Avete la capacità giornalistica per fare le conclusioni. È un atto di fiducia in voi. Vorrei che la vostra maturità professionale facesse questo lavoro”.

Non era uno scaricarsi, ma un prendere del tempo… Lo stesso sinodo (ma lo chiamano summit) che si è tenuto in questi giorni in Vaticano con tutti i Vescovi Presidenti delle Conferenze Episcopali, nasce proprio da questo scandalo! Ma non sembrano ancora aver capito il vero problema che è stato spiegato dal professore Roberto de Mattei, vedi qui, anche con il suo Appello ai Vescovi a chiamare questo male con il suo vero nome, ma da santa Marta fanno finta di non capire, o forse semplicemente non vogliono.

E dunque? Mons. Carlo Viganò aveva ragione…. ecco le parole di Papa Francesco:

  • «Dio donaci il coraggio di dire la verità e la sapienza per riconoscere dove abbiamo peccato e abbiamo bisogno di misericordia; riempici di pentimento sincero e donaci il perdono e la pace». Segue la confessione delle colpe, inframmezzata dai Kyrie eleison (Signore pietà): «Signore Gesù Cristo, noi confessiamo di essere peccatori», recitano il Papa e gli altri presuli. «Confessiamo che vescovi, presbiteri, diaconi e religiosi nella Chiesa hanno commesso violenze nei confronti di minori e di giovani e che non siamo riusciti a proteggere coloro che avevano maggiormente bisogno della nostra cura. Confessiamo che abbiamo protetto dei colpevoli e abbiamo ridotto al silenzio chi ha subito del male. Confessiamo che non abbiamo riconosciuto la sofferenza di molte vittime e non abbiamo offerto aiuto quand’era necessario.Confessiamo che spesso noi vescovi non siamo stati all’altezza delle nostre responsabilità».

Si sarebbe dovuto aggiungere che sono sei anni che si riduce al silenzio chiunque, in questo pontificato, dice la VERITA’…. e in qualsiasi campo e settore della Chiesa… tanto è vero che nessuno, in questo caso, ha chiesto scusa a mons. Carlo Maria Viganò per come è stato trattato…. O questo “mea culpa” è solo una forma tanto per dire e fare e allora non si è affatto pentiti come sembra logico, oppure è un tantino sincero ma non arriva in fondo al problema, non ci vuole arrivare, e allora son lacrime da coccodrillo…

La faciloneria attraverso la quale si dicono certi “mea culpa” è indicata dal fatto che -questa preghiera penitenziale – NON è stata fatta IN GINOCCHIO DAVANTI AL SANTISSIMO magari esposto per l’adorazione… ma nella Sala regia SEDUTI SU COMODE POLTRONE… davanti ad un Crocefisso portato per l’occasione…. Quando certi “mea cupa” si dicono troppo di frequente e manca quell’ora nel Getsemani, c’è di che diffidare, perché è certo che te la stanno menando da un’altra parte…. E se diciamo che son lacrime di coccodrillo (come ci è stato segnalato anche da GloriaTV qui nel 2016), è perchè ve lo dicono tutti gli editoriali degli ultimi – almeno – tre anni… che non sono le nostre opinioni magari anche discutibili, ma sono PROVE, PROVE DI FATTI E DI CRONACHE continuate e peggiorate.

In questo sinodo che ad altri piace chiamare “summit“, e forse lo è…. c’è ancora MENZOGNA, MENTONO SAPENDO DI MENTIRE, ed hanno continuato a mentire, non hanno affrontato la vera piaga che sta dividendo e dilaniando la Gerarchia stessa con la lobby gay il cui promotore, dovreste ricordarlo, è anche il gesuita James Martin messo lì da Bergoglio, cliccate qui…. tutti lo sanno, ma tutti continuano a tacere, però fanno gli atti penitenziali, seduti su comode poltroncine….


AGGIORNAMENTI: di Marco Tosatti: Chi muove i fili del summit che non tocca l’omosessualità….  e di Nico Spuntoni: La denuncia di Marx e la retorica sul clericalismo...

e ancora, ottima riflessione di Marco Tosatti: La rivincita di monsignor Viganò;   e la riflessione di Riccardo Cascioli: Vertice abusi, perché non può avere soddisfatto le vittime.

 

 

 

7 pensieri riguardo “Bergoglio fa un mea culpa, ma son lacrime di coccodrillo!

  1. Sono talmente pieni di sé, che non hanno trovato un momento per andare nella cappella in Vaticano per piegare le ginocchia!! Ho visto il video e le foto, è davvero agghiacciante! O seduti comodi o in piedi, ma in questo caso si percepisce cosa li tieni in piedi, la superbia, l’arroganza.
    Hanno svolto semplicemente un protocollo e poi Bergoglio rimprovera quei cattolici che “ripetono le preghiere come pappagalli”.
    E’ quello che hanno fatto loro con questo rito svuotato della vera umiliazione che, davanti a fatti così gravi, la cui vera gravità sta nell’aver saputo e taciuto, sono rimasti in piedi o seduti, ma mai hanno piegato le ginocchia in segno di autentica riprovazione.
    Confesso che avevo un pochino sperato da questo vertice, capivo anche che non bisogna cavalcare le testate mediatiche che vogliono solo fare del male alla vera Chiesa con questi fatti scabrosi, ma i fatti sono davanti agli occhi di tutti, che Dio abbia misericordia di loro e di noi.
    Federico.

    "Mi piace"

  2. Mi stava venendo in mente, ma non so se la redazione conosce, il libro di Don Ariel di Gualdo di qualche anno fa il Satana si fece trino, che suggerisco tutti di leggere. Purtroppo sembra esaurito, ma forse tra l’usato si riesce a trovare. https://www.libreriadelsanto.it/libri/9788877967336/e-satana-si-fece-trino.html
    E vi si legge: “Non bisogna temere la sgradevole verità ma la gradevole menzogna, consapevoli che potremo essere chiamati a rendere conto a Dio non delle cose che si sono dette ma di quelle che si sono prudentemente taciute con curiale diplomazia…”
    Don Ariel in questo libro aveva passato in rassegna questi problemi denunciandoli a tal punto che mi risulti abbia pagato di persona un vero linciaggio morale, cioè quello più subdolo e nascosto, da parte dei suoi superiori vescovi. In tempi lontani del 2013, la stessa Bussola aveva fatto questa recensione http://www.lanuovabq.it/it/nella-chiesa-e-in-atto-un-golpe-omosessualista
    Don Ariel Levi di Gualdo, autore di un saggio che denuncia una lobby gay in Vaticano, spiega origini e strategie di chi promuove e protegge l’omosessualità nella Chiesa: «Vogliono la sua distruzione dall’interno. È la prima volta nella storia che accade».
    E spiega perché non è più possibile tacere. Ma non fu ascoltato ieri, immaginiamo allora oggi.

    "Mi piace"

  3. Ma cosa v’aspettavate da tale mons. Cupich (quello che proibì ai sacerdoti della sua diocesi di pregare davanti alle cliniche per l’aborto, protetto da McCarrick, promosso da Bergoglio alla diocesi di Chicago e al cardinalato), secondo il quale, benché la maggioranza degli abusi su minori siano di tipo omosessuale, l’omosessualità non c’entra nulla.
    La cosa mi ricorda quelli che dicono, sì la maggioranza degli attentati terroristici è condotta da islamici, ma l’islam non c’entra nulla perché è una religione di pace.
    Nel frattempo in Argentina è stata aperta un’indagine contro il vescovo della diocesi Argentina di Oràn, Gustavo Zanchedda, il quale avrebbe abusato di seminaristi minorenni e maggiorenni (ma non si dica che l’omosessualità c’entra qualcosa, si tratta di clericalismo, ovviamente, oppure, com’è stato detto in conferenza stampa, di scarsa cultura).
    Mons. Gustavo Zanchedda era stato nominato vescovo da Bergoglio. Ma non l’avete capito che Bergoglio è un puritano protestante? Lui ragiona come Lutero: se non riesci a smettere di peccare, mica è colpa tua, però evita di colpire fanciulli, fattela con chi ti può tenere testa, fatti una amicizia stabile e facci quel che vuoi, ma non coinvolgere la chiesa. Così ragiona. Voi fate ottimi articoli, ma svegliatevi, oppure anche voi temete di giungere alle vere conclusioni?

    "Mi piace"

    1. Gentile pierangelo…. dipende da cosa intenda lei per “vere conclusioni” 😉
      Se non fossimo un tantino “svegli” forse non saremo neppure in grado di reggere questi ritmi e questo sito di cronaca attenta e scrupolosa ma che… al tempo stesso, non può trarre delle conclusioni, non quelle che forse lei vorrebbe che noi raggiungessimo!
      Che Bergoglio, alias Papa Francesco, sia di stampo “puritano-protestante” lo abbiamo esplicitato in molti editoriali, ma soprattutto abbiamo postato questo articolo: Pope Francis Is Gaslighting You? Che tu ne sia conscio o meno,
      https://cronicasdepapafrancisco.com/2018/11/11/pope-francis-is-gaslighting-you-che-tu-ne-sia-conscio-o-meno/
      che lascia ad ognuno di giungere a delle conclusioni…
      Il nostro scopo non è infatti quello di chiudere le questioni e trarne conclusioni, ma di ragionare, discutere e soppesare gli eventi e i fatti, poi ognuno deciderà il da farsi.
      Grazie per il contributo.

      "Mi piace"

  4. La situazione è tragicomica, ma bisogna mantenere la massima calma e lucidità mentale. E’ stata una farsa questo summit, tanto per prendere tempo e respiro, mettersi d’accordo con le maggiori testate giornalistiche, è tutta propaganda. E come mandavano prima le veline a Tornielli perché li pubblicasse sulla Stampa, così è ora direttamente lui a mandarle, ben confezionate. Mi pare che avevate fatto un articolo sul peccato di ignavia, ecco come questa regna sovrana tra i vescovi che tacciano per compiacere il re.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...