Continuano preoccupazioni documento firmato dal Papa

Nel ringraziare il sito di Corrispondenza Romana per aver pubblicato l’articolo dall’originale, vedi qui, noi vi proponiamo una nostra traduzione perché l’argomento ci sembra molto interessante sia per l’Autore della riflessione, sia per il contenuto da noi stessi già sollevato nelle ultime cronache.

UN ATTENTO LETTORE ci ha ricordato che questa forma di apostasia era già stata annunciata da noi in un editoriale:

Papa Francesco sdogana l’eretico gesuita Karl Rahner? Ha detto “Dio è Padre di tutte le confessioni”…. ma così viene applicata ora, a tutte le confessioni, la teoria del cristianesimo anonimo del gesuita tedesco, cliccare qui.

Si legga anche qui: Ma se togliamo la Croce di Cristo non ci resta che il deismo (massonico) Interessante intervista di Aldo Maria Valli a mons. Nicola Bux

  • SMARRIMENTO DELLA MEMORIA[7] Il tempo che stiamo vivendo appare come una stagione di smarrimento. […] È smarrimento della memoria e dell’eredità cristiane, accompagnato da una sorta di agnosticismo pratico e di indifferentismo religioso, per cui molti europei danno l’impressione di vivere senza retroterra spirituale e come degli eredi che hanno dilapidato il patrimonio loro consegnato dalla storia. Non meravigliano più di tanto, perciò, i tentativi di dare un volto all’Europa escludendone la eredità religiosa e, in particolare, la profonda anima cristiana, fondando i diritti dei popoli che la compongono senza innestarli nel tronco irrorato dalla linfa vitale del cristianesimo. (Giovanni Paolo II –  “Ecclesia in Europa” – 2003)


Gravi preoccupazioni per il documento di Abu Dhabi firmato da Papa Francesco

Josef Seifert (*)

I cattolici sono molto preoccupati riguardo il Documento sulla fraternità umana per la pace e la convivenza nel mondo, che Papa Francesco e il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad Al-Tayyeb, hanno firmato il 4 febbraio 2019 ad Abu Dhabi.

Non c’è dubbio che molte verità su Dio e sulla legge morali naturale e alcuni semina Verbi siano stati conosciute anche dai pagani e vi siano contenuti in molte religioni (eccetto quelle direttamente sataniche), così come la “regola d’oro”.

Nessuno crede che Dio non possa dare la grazia della salvezza eterna al di fuori del regno della Chiesa visibile, dei suoi sacramenti e della fede cristiana cosciente. Nessuno nega le tante belle e buone verità che Papa Francesco e l’Imam confermano nel documento.

Tuttavia, per affermare che “il pluralismo e la diversità delle religioni” (come il colore, il sesso, la razza e le lingue) “sono voluti da Dio nella sua saggezza, attraverso la quale ha creato gli esseri umani”, va molto oltre questo.

Come può Dio aver voluto religioni che negano la divinità di Cristo? Non va questo contro la logica? Dio può davvero volere che gli uomini sostengano contradditorie su Gesù Cristo, su Dio stesso, o su qualsiasi altro cosa?

Come può Dio, fin dalla creazione, aver voluto che gli uomini cadessero nel peccato, adorassero falsi dei, diventassero vittime di errori e superstizioni di ogni genere, che aderiscono a religioni atee o panteiste come il buddismo o alle religioni maledette dall’Antico Testamento e attribuite ai demoni e all’adorazione demoniaca?

Come può Dio – che ha mandato i suoi discepoli a predicare e a battezzare il mondo intero – aver voluto qualsiasi eresia cristiana, per non parlare delle religioni che negano la fede di cui Gesù dice a Nicodemo che solo chi crederà in Lui sarà salvato, mentre chi non lo farà sarà perduto (Gv 3,1 8)?

Se leggiamo l’Antico e il Nuovo Testamento, o guardiamo gli insegnamenti universali della Chiesa sul Divino Comando – dato da Cristo stesso – di predicare il Vangelo a tutte le nazioni, sulla necessità del battesimo e della fede per la salvezza, ecc., ciò è il contrario del caso di questo documento.

Come può dunque essere vero che Dio “nella sua saggezza” ha voluto fin dalla creazione che molti uomini non credessero nel loro unico Redentore?

Nessuna acrobazia mentale, neppure la più abile, può sostenere quest’affermazione non contenga alcuna eresia, anzi, tutte le eresie; non si può asserire che è Divina Volontà che una grande maggioranza dell’umanità possa sposare ogni tipo di credo religioso falso e non cristiano.

Inoltre, attribuendo a Dio la volontà che ci siano religioni che contraddicono la Sua Divina Rivelazione – invece di attribuirgli la volontà che tutte le nazioni dovranno credere nell’unico vero Dio e Suo Figlio e Redentore – Egli viene trasformato in un relativista che non sa che esiste una sola verità, poiché non è detto che tutte le nazioni abbiamo bisogno di una sola verità, oppure che non gli importi se gli uomini credano alla verità o alla falsità. Quella frase afferma, in pratica, che Dio stesso vuole errori religiosi.

Firmando la dichiarazione che Dio vuole una pluralità religiosa, il Papa ha sfidato sia la Fede (fides) che la ragione (ratio); ha rifiutato il fatto che la cristianità è inseparabile dalla fede in Gesù Cristo, che è l’unico Signore (unus Dominus). (Suppongo che anche le più alte autorità islamiche espelleranno questo Imam, perché l’Islam rivendica in modo assoluto anche la verità).

Infatti, se Dio veramente vuole tante diverse religioni, allora deve odiare la Chiesa cattolica soprattutto a causa della sua pretesa di essere la Chiesa unica, cattolica e apostolica, perché respinge, nei suoi dogmi e nei suoi perenni insegnamenti magisteriali, qualsiasi relativizzazione della religione cristiana che trasformerebbe il cristianesimo in una delle tante religioni piene di contraddizioni.

In breve: ogni cattolico dovrebbe pregare che il Papa si converta e rigetti quest’orribile frase firmato da lui e dal Grande Imam Ahmad Al-Tayyeb, perché mina tutte le cose vere e belle che questo documento dice sulla fratellanza.

Non è né impossibile né vergognoso che un papa ritratti gli errori che ha commesso nei suoi insegnamenti non infallibili. Il primo papa, scelto da Gesù Cristo stesso, Pietro, lo ha fatto dopo il rimprovero di san Paolo durante il primo concilio apostolico della Chiesa.

Papa Giovanni XXII ha revocato sul letto di morte un’eresia riguardo la visione di Dio delle anime dei defunti, che aveva espresso in un precedente documento, e che è stata condannata una seconda volta come eresia dal suo successore.

Pertanto, abbiamo tutte le ragioni per sperare che papa Francesco rigetterà una frase che costituisce una rottura totale con la logica, soprattutto con la Bibbia e con l’insegnamento della Chiesa.

Se non lo farà, temo che si potrà applicare il Diritto Canonico secondo cui un papa perde automaticamente l’ufficio petrino qualora professi un’eresia, specialmente se dovesse professare la somma di tutte le eresie.

(CorrispondenzaRomana.it)

(*) il prof. Josef Seifert, austriaco, è considerato uno dei maggiori filosofi cattolici contemporanei. Il suo curriculum e la sua bibliografia occupano numerose pagine. Ma soprattutto è noto per la sua fedeltà al Magistero pontificio, che gli ha valso la nomina a membro della Pontificia Accademia per la Vita.


 

8 pensieri riguardo “Continuano preoccupazioni documento firmato dal Papa

  1. Beh, se un personaggio così autorevole afferma che Bergoglio potrebbe perdere l’ufficio petrino per eresia, credo che qualcosa di grave sia accaduto.
    Certamente, Kasper, dal suo punto di vista, ha condannato l’iniziativa di Muller, però è molto strano il silenzio dei cardinali superstiti dei Dubia.
    Resta il fatto che Bergoglio continui l’opera di demolizione della Dottrina, senza che il Collegio cardinalizio intervenga.
    Sorprende il vigore di questo papa che,nonostante i suoi 82 anni, prossimamente si recherà a Napoli per un ulteriore “picconamento” della Dottrina. E vedrete ancora quante novità!

    Mi piace

    1. Il cardinale Kasper è eretico. Si evince dal suo libro “Gesù il Cristo”.
      Kasper non crede che Gesù sia Figlio di Dio. Secondo lui, la divinità di Gesù è una invenzione di San Paolo e di San Giovanni.
      Kasper nega i miracoli. Per lui sono leggende.
      Kasper nega la risurrezione corporea di Gesù Cristo.
      Kasper nega l’ascensione di Gesù Cristo in cielo.
      Kasper difende l’eretico Nestorio che nega la divina maternità di Maria SS.
      Davanti a tali eresie, sorprende il fatto che Kasper non è stato mai denunciato. E’ stato invece elevato agli onori cardinalizi e poi nominato Presidente del ” Segretariato per l’unità dei cristiani”.

      Mi piace

  2. Lodando i Cuori di Gesù e Maria e scusandomi per sollevare una questione che non è inerente all’argomento, vorrei chiedere alla redazione del sito di aggiornare l’elenco delle abolizioni della Traditio Catholica di questa pagina:
    https://cronicasdepapafrancisco.com/2019/01/20/aggiornamento-abolizione-traditio-catholica-da-parte-di-bergoglio/
    perché forse a causa di questo argomento importante del documento apostata, non ci si è accorti che Bergoglio ha abolito la Messa degli ammalati fissata al giorno 11 febbraio, giorno della Memoria della Vergine apparsa a Lourdes.
    Potrete verificare voi stessi, ma ho controllato assai bene sia dalla pagina delle Celebrazioni liturgiche del Sommo Pontefice nella quale, dal 2014 infatti, non c’è più l’indicazione liturgica della Messa, sia dalla consultazione delle foto degli eventi del Papa, dal sito ufficiale fotografico della Santa Sede http://www.photo.va

    Che Bergoglio non ami la Beata Vergine Maria di Lourdes (e più in generale con la sua nuova versione della Donna come noi) è tanto chiaro che non l’ha mai ricordata, e neppure all’Angelus del 10 febbraio dove ha ricordato Santa Giuseppina Bakhita la cui memoria era stata l’8, ma non ha detto una sola parola alla memoria della Beata Vergine di Lourdes che era il giorno dopo. All’Angelus del 2018 in cui l’11 cadeva proprio di domenica, ha parlato della Memoria della Beata Vergine di Lourdes, ma solo per introdurre la Giornata del Malato, senza più nominarla.
    Non voglio fare spirito di polemica ma giudicare secondo giustizia, essendo stata abolita un’altra delle Messe liturgiche mariane con il Papa dopo la scandalosa abolizione della Messa pubblica del 15 agosto, Festa solenne dell’Assunta al Cielo. Così ora non abbiamo più il Papa a celebrare una Messa pubblica mariana.
    Che la Vergine Santa lo perdoni, ciao da Alessandro.

    Mi piace

    1. Gentile Alessandro, grazie per averci fornito tutti i dettagli.
      Avevamo notato anche noi i fatti inerenti alla Memoria Liturgica della Beata Vergine di Lourdes e stavamo aspettando di compilare un aggiornamento perché, sempre in corrispondenza degli eventi papali, papa Francesco ha rifatto l’adorazione Eucaristica all’ultima Gmg di Panama, anche se in modo molto folkloristico e breve…. e quindi stiamo per aggiornare la pagina da lei indicata.
      Grazie ancora e Ave Maria

      Mi piace

  3. E’ ormai chiaro che i nuovi vescovi, cardinali, teologi, intellettuali e docenti, che occupano i posti chiave nella Chiesa, sono quasi tutti neo modernisti, neo luterani, in altre parole, “bergogliani”.
    Provate a dimostrarmi il contrario! Vorrei proprio vedere un “rigido” credente insegnare in una università cattolica, o un prelato dalla retta dottrina presiedere un importante dicastero vaticano.
    Lo scisma l’ha provocato Bergoglio. E’ un dato ormai inconfutabile .Noi, poveri cattolici, peccatori, ma credenti nella Dottrina di sempre, non abbiamo più cittadinanza in questa chiesa. Siamo ridotti al silenzio, viviamo nascosti nelle “catacombe” dell’anonimato.
    Coloro che non si omologano a questo nuovo corso “bergogliano”, sono i nuovi martiri della fede.
    Con buona pace di Bergoglio, il MISERICORDIOSO!
    Cristo regni!

    Mi piace

Rispondi a Dominus Jesus Annulla risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...