“Pauperes commilitones Christi templique” di Fra Cristoforo

(“Poveri compagni d’armi di Cristo e del tempio di Salomone”) Pubblichiamo e facciamo nostro questo comunicato del blog Anonimi della Croce, perché si tratta anche della nostra comune battaglia in difesa della Chiesa di sempre. Non esistono e non facciamo “tifoserie”, ma siamo solo quel “piccolo gregge” che, per il fatto che sia piccolo, non significa che sia ignavo


Ormai ci siamo quasi. Abbiamo capito che la neochiesa vuole sostituirsi in tutto alla Vera Chiesa di Cristo. I punti focali di questa devastazione sono:

1. L’Amoris Laetitia, dove si è relativizzata tutta la Sacra Scrittura e la morale Cattolica;

2. La Santa Messa. Con l’introduzione della messa ecumenica, questo falso rito pretenderà di sostituire l’Eucaristia Cattolica istituita da Gesù Cristo (come abbiamo visto, in molti luoghi, sommessamente tutto ciò è già in atto);

3. La promessa di fedeltà a Bergoglio, che a breve verrà richiesta dalla Santa Sede per tutti i chierici.

Fermiamoci un attimo a riflettere. Possono bastare i blog, le testate giornalistiche, i vari giornalisti cattolici rimasti, a contrastare questa ormai palese apostasia? Da quello che vediamo forse no. Perché Bergoglio e la sua neochiesa vanno avanti come carri armati. E non si curano del gregge. L’ultimo fatto che ci da ragione è il discorso sulla Cina. Tante feste, tanti baci, tanti abbracci. E nessuno dal Vaticano si cura di chi in Cina è perseguitato perché crede in Gesù Cristo. Questo articolo di Valli non è che un semplice emblema di questa situazione.

E’ chiaro ormai che l’unico intento di questa neochiesa è cercare in consenso del mondo, a discapito del mandato di Cristo. Siamo davanti al nuovo tradimento di Giuda.

La domanda allora è questa: cosa fare? Cosa devono fare quei Sacerdoti fedeli che sono rimasti, il popolo di Dio confuso, i giornalisti che ancora mettono in evidenza le ambiguità di questo nuovo sistema?

Vedete, in nostro blog è nato proprio con l’intento di smascherare pubblicamente ogni inganno, anche il più piccolo, di questa “chiesa arcobaleno”. Avendo anche delle “fonti” nel posto giusto, ci viene più facile, spesso, mandare in anteprima tutto ciò che ha in serbo questa cozzaglia di apostati. E l’anonimato qui, in questa fase è molto importante. Perchè il nostro lavorio, in questo momento è contrastare il più possibile la venuta di questo anticristo, evidenziandone tutte le ambiguità, in modo tale che il popolo di Dio sia a conoscenza delle storture e dell’intento voluto di “modificare” il patrimonio della Verità Cattolica.

Ma non potrà sempre essere così. L’anonimato servirà fino ad un certo punto di questa brutta storia. Perchè, credo, molto presto, arriverà il momento di uscire allo scoperto. E di iniziare il contrattacco. Dall’interno. Proprio come hanno fatto loro.

Innanzitutto, come può essere chiaro, la base di tutto sarà la preghiera e l’attaccamento all’Eucaristia. Quella vera.

Il resto non ve lo posso anticipare. Ma vi assicuro che la rete di contatti che stiamo creando, le informazioni che stiamo raccogliendo, i dossier che abbiamo in opera, faranno tramare le mura leonine.

Non siamo semplici blogger. Giusto perché sia chiaro. Vi è un lavoro sotterraneo di preparazione e resistenza, che creerà qualche problema. A chi oggi pensa di avere il potere.

Rassicuravi. Questo è il mio intento. Non lasceremo la Chiesa in mano all’apostasia. Il nostro “lavoro” va molto al di là di questo blog. E presto ve ne renderete conto. E magari, conoscerete anche chi è Fra Cristoforo. Insieme a tutti gli altri, che riservatamente lavorano per la Verità di Cristo.

Poi, si risparirà nell’ombra. Per sempre. Ma solo dopo aver riconsegnato a Pietro (quello vero) il patrimonio della Fede Cattolica.

Viva Gesù. E Viva Maria. 3.

Pauperes commilitones Christi templique

Fra Cristoforo

(fonte: anonimidellacroceblog.wordpress.com)

2 pensieri riguardo ““Pauperes commilitones Christi templique” di Fra Cristoforo

  1. Tutto sommato mi sembra un discorso sereno, pacato, pacifico ma anche battagliero nel senso paolino. Penso anche io che questo tempo 2018 sarà un anno decisivo, non è possibile che la Nave della Chiesa affondi, ma lo dice anche Benedetto XVI che sembra si stia capovolgendo. Dovremo decidersi da che parte stare, con la preghiera, i sacrifici, tanta fede e resistenza, la perseveranza tanto raccomandata da Gesù Cristo. Sarà una bella Quaresima, questa!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...