Tutta la fatica di essere primate d’Italia

Una critica tagliente del discorso con cui papa Francesco ha dettato la direzione di marcia alla Chiesa italiana, facendo appello al “popolo” contro i vescovi. Autore: il professor Pietro De Marco.

Todo el esfuerzo de ser primado de Italia

Toute la peine d’être primat d’Italie

All the Toil of Being Primate of Italy

di Sandro Magister (17-11-2015)

C’era da aspettarsi che il discorso rivolto da papa Francesco agli stati maggiori della Chiesa italiana, riuniti a Firenze lo scorso 10 novembre, accendesse un vivace dibattito: > “Cari fratelli e sorelle…”

02273_10112015
Francesco e Bagnasco

L’occasione infatti era di quelle che segnano la storia della Chiesa italiana, di cui il vescovo di Roma è primate. Sono raduni che avvengono ogni dieci anni circa, e ogni volta determinano il cammino successivo.

Memorabile, in particolare, fu il convegno di Loreto nel 1985, nel quale Giovanni Paolo II cambiò decisamente rotta alla Chiesa italiana dell’epoca – imponendole una presenza attiva sulla scena pubblica, come “forza trainante” – e ne sostituì la guida.

Alla leadership intellettuale esercitata dal cardinale Carlo Maria Martini e dal teologo Bruno Forte che tenne a Loreto la relazione d’apertura, succedette la lunga stagione che ebbe in Camillo Ruini la sua guida, prima come segretario e poi come presidente della conferenza episcopale italiana, in piena sintonia con Giovanni Paolo II e col suo successore Benedetto XVI.

Ma la storia ha i suoi corsi e ricorsi. Oggi Ruini è uscito di scena. Bruno Forte è diventato arcivescovo ed è stato promosso a un ruolo mondiale, come segretario speciale del doppio sinodo sulla famiglia. E il cardinale Martini ha trovato nel confratello gesuita Jorge Mario Bergoglio il papa che ne raccoglie l’eredità: > Martini papa. Il sogno divenuto realtà (15.10.2013)

Col discorso di Firenze, papa Francesco ha appunto dettato alla Chiesa italiana la nuova direzione di marcia, che in buona misura è la stessa che Giovanni Paolo II aveva interrotto a Loreto, trent’anni fa giusti.

È un cambio di direzione che si sostanzia anche in una serie di nomine mirate, nelle sedi episcopali più rilevanti: > La vera rivoluzione di Francesco è a colpi di nomine (14.11.2015)

A Firenze il discorso di papa Bergoglio è stato frequentemente interrotto da applausi, tanto più scroscianti quanto più egli faceva leva sul consenso del “popolo” per strapazzare i vescovi.

Quella che segue è un’analisi critica del discorso papale – e di questo pontificato – fatta da un cattolico fiorentino di lunga esperienza ecclesiale, molto ferrato in teologia e storia della Chiesa, Pietro De Marco, professore emerito di sociologia della religione all’Università di Firenze e alla Facoltà teologica dell’Italia centrale, già autore il 2 ottobre 2013 di una preveggente nota sull’avvio del pontificato di papa Bergoglio: > De Marco su papa Francesco: “In coscienza…”

E di un successivo commento sulla rivista Catholica diretta da Bernard Dumont: > Un équilibre instable

La presente analisi è uscita il 13 novembre, giorno finale del convegno, sul Corriere Fiorentino, supplemento locale del primo quotidiano italiano, il Corriere della Sera.

__________

Papa Bergoglio a Firenze, col popolo contro le strutture

di Pietro De Marco

Nel discorso che papa Francesco ha pronunciato il 10 novembre scorso, a Firenze, nella cattedrale di Santa Maria del Fiore, ai partecipanti al quinto convegno ecclesiale nazionale italiano, ritroviamo tre momenti della sua strategia comunicativa: il teologico-spirituale, l’intra-ecclesiastico e l’indirizzo pastorale esplicito, prescrittivo.

02301_10112015
Francesco e Galantino

Tutti e tre sono stati puntualmente percorsi dal papa, tra applausi ripetuti, interessanti per la loro diversa intensità di fronte ai contenuti e ai toni diversi del discorso. Mi permetto di osservare, perché non è estraneo a quanto dirò, che il papa avrebbe potuto evitare, più che sollecitare gli applausi, a loro modo “politici”.

A una TV cattolica che mi chiedeva impressioni ho sinceramente lodato la forza del richiamo missionario di Jorge Mario Bergoglio, il grande dono che questo pontificato fa alla Chiesa universale – cioè al mondo, alla storia –, se si considera che l’uscire alla ricerca degli altri era divenuto estraneo ai gusti di molte chiese-comunità postconciliari.

Ma ho dovuto sottolineare anche gli equivoci del passo del suo discorso sulle “tentazioni” della Chiesa – ovvero il pelagianesimo (ricordo: l’antica eresia secondo cui per percorrere le tappe della salvezza basta un idoneo sforzo umano, indipendentemente dalla grazia divina) e la gnosi –, con cui papa Bergoglio ha indurito la sua “querelle” intra-ecclesiastica.

La polemica antipelagiana contro la fiducia nelle strutture – quali poi esattamente? – e l’eccesso di organizzazione c’era già nella stagione postbellica e preconciliare della Chiesa cattolica. Sappiamo che bersaglio di Francesco è la troppa fiducia nella norma; ma quando egli afferma che è la “norma che dà al pelagiano la sicurezza di sentirsi superiore, di avere un orientamento preciso”, e che questo tipo di deviazione assume “uno stile di controllo, di durezza, di normatività”, come nei “fondamentalismi” e nei “conservatorismi”, vediamo meglio a chi mirano le sue parole ma non vediamo più il pelagianesimo vero, piuttosto qualche traccia di quello che fu un suo nemico, il giansenismo.

Pelagio non c’entra né con la grande Chiesa di Pio XII né con quel poco di organizzazione, istituzione e norma che resta vivo oggi. Dovrebbe la Chiesa preoccuparsi del più plausibile pelagianesimo teologico e pastorale di coloro che ignorano e di fatto cancellano il peccato e la grazia. Ma se, per l’attuale papa, pelagiano è chi fa il contrario, perdiamo il discernimento di ciò che è realmente grave.

Inquietante è anche l’uso del riferimento fatto da papa Francesco allo gnosticismo, una tentazione, ci ha detto, “che porta a confidare nel ragionamento logico e chiaro”. Anche qui per additare all’esecrazione del popolo quella parte della Chiesa che colpevolmente curerebbe intelletto e dottrina – un po’ come san Tommaso d’Aquino e infiniti altri? –, restando infine “chiusa nell’immanenza”.

Le spiritualità gnostiche antiche e moderne non sono ovviamente nulla di questo. Una più recente e geniale estensione della nozione – come ci ha indicato Eric Voegelin – riguarda l’agire rivoluzionario che, in nome di una Causa, con una dottrina e una retorica semplificate in bocca, persegue una Realtà oltre la realtà vera. Qualcosa del genere, ma post-ideologico, papa Francesco potrebbe trovarlo, in questi anni, dove meno se lo aspetta.

Ho già scritto quanto disorientante sia questo impiego arbitrario di parole teologicamente delicate. Il loro uso errato, senza criterio se non quello di delineare bersagli estesi a piacere, non corrisponde al retto esercizio della giustizia nella Chiesa. In più, genera dubbi se questo stile sia accettabile nella persona di un papa. Rivolgersi al consenso di popolo, in cattedrale, per strapazzare i vescovi – perché questo ha capito la gente comune – sarebbe in sé, per lo scienziato politico, ricerca “demagogica” di legittimazione.

Demagogo è un termine che non deve dispiacere: Max Weber lo usava per i profeti dell’antico Israele nella loro azione mobilitante, che compivano da privati, esterni al Tempio. Ma, appunto, Bergoglio non è un predicatore o un carismatico privato, non predica rivelazioni private, è papa. Si riveste invece del duplice ruolo ora di vertice istituzionale, ora di carismatico anti-istituzionale, che si volge contro una “parte” della Chiesa. Se come capo della Chiesa ha tutti i poteri che ne conseguono, come carismatico esercita, quali che siano le sue intenzioni, una obiettiva azione antagonistica ai ceti istituzionali.

Direbbe lo studioso che egli opera come un “capoparte” alla conquista del proprio partito, che è anche il partito dominante: colpisce i vecchi vertici, non bada alle vittime. Per questo il suo discorso di Santa Maria del Fiore ha l’aspetto di una relazione da congressi politici di storica e recente memoria.

Frequente e ammirata in politica, questa prassi non lo è nella Chiesa, dove l’applauso dei fedeli non legittima alcunché, non aggiunge uno iota alla potestà di un papa e al valore delle sue decisioni; dove la sanzione di errori di ortodossia e di prassi deve essere condotta non per slogan ma sotto il segno della dottrina e del diritto; dove i vescovi non sono i membri di un comitato centrale o i dirigenti di un apparato in balia di un vertice politico “democratico”.

Il convegno ecclesiale nazionale dei giorni scorsi a Firenze ha fatto trasparire l’impegno sincero di adeguamento della Chiesa italiana allo stile, pesante di effetti, di questo pontificato. Basti pensare che nella formula delle “cinque vie” sature di pastoralismo che il convegno ha adottato (uscire, annunciare, abitare, educare, trasfigurare), non abita san Tommaso ma molto papa Francesco.

In linguaggio “ecclesialese” dovrei parlare di una “lieta, gioiosa, riconoscente fatica” della Chiesa italiana. Ma non è certo che per tutti sia così.

__________

Discorsi e documenti del convegno ecclesiale nazionale di Firenze, nel sito della conferenza episcopale italiana: > In Gesù Cristo il nuovo umanesimo

__________

Fonte: chiesa.espresso.repubblica.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...