Recensione del libro “Ancilla hominis. La Chiesa è il corpo mistico dell’uomo?”

di Gianandrea de Antonellis

A qualche mese dall’elezione di papa Francesco, parlando con un amico, confessai la mia delusione per il nuovo “vescovo di Roma”. Mi rispose che bisognava leggere attentamente, come lui faceva, le omelie quotidiane di Santa Marta: “In mezzo a tanto fango, come quello di un torrente impetuoso, troverai vere e proprie perle”. Replicai che non stavamo parlando delle prediche di un parroco di periferia, bensì di omelie papali: dal successore di Pietro mi aspettavo solo “perle”, magari poche ma ben visibili, non da estrarre da una fiumana di “fango”…

La copertina del libro
La copertina del libro

Danilo Quinto, giornalista e saggista dal passato politico nella sinistra radicale giunto alla vera Fede, che ha abbracciato senza riserve, descrive il proprio stupore nel trovarsi di fronte un pontefice che apparentemente contraddice due millenni di Tradizione. Il suo saggio, aggiornatissimo (si conclude con un capitolo sul sinodo straordinario dello scorso ottobre), non è però un “istant-book”: si tratta di una riflessione serena che mette alla luce lo sconcerto di chi, venendo dal mondo laicista, vede confusione e contraddizioni provenire addirittura dal vertice dell’istituzione che deve proclamare al mondo intero la Verità.

Nelle sue pagine c’è il rammarico di chi è costretto a cercare quella Verità non gridata dai tetti, ma raccolta come perle o diamanti in mezzo al fango. Se Introvigne è quotidianamente “costretto” a «spiegare cosa ha veramente detto il Papa» (p. 205) senza che dalla sala stampa vaticana si senta la necessità di farlo e senza che il diretto interessato senta il dovere di esprimersi più chiaramente, di non dar luogo ad equivoci, di non aspettare un mese per smentire un’affermazione strombazzata dai giornali e che intanto ha fatto il giro del mondo o di non affidare importanti temi a boutade durante un viaggio aereo, per lo meno il fedele riceve l’impressione che l’attuale Vescovo di Roma non sappia comportarsi per un incarico tanto delicato come quello di Vicario di Cristo.

Danilo Quinto
Danilo Quinto

Se poi si sommano tutte le “stranezze”, partendo dalla sostituzione del “Sia lodato Gesù Cristo” con il “buonanotte!” del primo discorso papale o il “buon appetito!” che chiude l’Angelus domenicale per arrivare agli imbarazzanti elogi da parte della massoneria e del B’nai B’rith, passando per le critiche indirette (fatte cioè dai più stretti collaboratori di Bergoglio) alle parole di Benedetto XVI a Ratisbona (quando il Pontefice si “permise” di criticare l’irrazionalità insita nell’islamismo) o ai «volti inespressivi di coloro che recitano il rosario fuori dalle cliniche che praticano le interruzioni di gravidanza» (come disse mons. Nunzio Galantino, che non volle nemmeno usare il termine “aborto”) c’è da chiedersi se nella Chiesa sia in atto una rivoluzione cosciente e non solo una semplice, continua distrazione dovuta al venir meno delle più elementari regole di comportamento.

Quella di Francesco appare – inutile negarlo – come una Chiesa tanto desiderosa di piacere al mondo, da essere disposta a rinunciare ai propri principi fondanti: ammiratrice del comunismo e dell’islamismo (nel discorso per la canonizzazione dei Martiri di Otranto la parola “islam” non ricorre neppure una volta, senza lasciare quindi evincere la causa del martirio); disposta a transigere in materia di comunione (concedendola anche a chi vive in notorio stato di peccato) e quindi banalizzandola; disposta ad abbracciare tutti coloro che sono lontani, da Pannella a Scalfaro, ma inflessibile proprio con coloro che sono più vicini degli altri (i tradizionalisti in generale ed i Francescani dell’Immacolata in particolare). “Che importa se Francesco non piace ai tradizionalisti?”, dirà qualcuno. Ma, come affermò Mario Palmaro, alla cui memoria il libro è dedicato, «il Papa deve piacere a Dio Padre, a Nostro Signore Gesù Cristo e allo Spirito Santo, non a Gnocchi e Palmaro. Ma noi dubitiamo che questo papa piaccia a Domineddio» (p. 13).

Papa Francesco
Papa Francesco

A conferma di tanti dubbi, il capitolo conclusivo si concentra sul sinodo straordinario sulla famiglia del 2014: al di là del palese tentativo di indirizzare i lavori verso un cambiamento del tradizionale concetto di matrimonio religioso, colpiscono due fatti come le conclusioni (relatio post disceptationem) che riprendono e divulgano, in senso positivo, le tesi auspicate dal Papa, ma rigettate dai prelati presenti ed il pugno di ferro (in immancabile guanto di velluto) con i cardinali dissenzienti, primo tra tutti Raymond Leo Burke, sollevato dalla carica di prefetto del Supremo tribunale della Segnatura apostolica.

Il saggio di Danilo Quinto si pone una serie di interrogativi sull’apparente allontanamento della Chiesa attuale dal solco della Tradizione, sull’eccessiva apertura al mondo che sembra trasformarla in una “ancilla hominis”, come recita il titolo. Di fronte a tanto sconcerto, l’autore si dichiara però sereno sapendo che “tutti i capelli della nostra testa sono contati”. Rimane, però, la coscienza della fallibilità del Papa nel magistero ordinario e, di conseguenza, il giusto diritto alla critica della suprema gerarchia ecclesiastica da parte dei singoli fedeli, nel rispetto della figura del Vicario di Cristo. Rispetto che permane in ogni pagina di Quinto, per cui non bisogna farsi sviare dalla copertina un po’ irriverente e leggere un testo che non contiene alcunché di insolente.

Fonte: conciliovaticanosecondo.it

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...