Dove va la Chiesa di papa Francesco? Avanti, clero, alla riscossa!

Risibile, per non dire peggio, la capziosa distinzione che si vorrebbe introdurre, tra la Dottrina, immutabile e invariabile, e la “pastorale”.

di Domenico Del Nero

Insomma, per duemila e passa anni si sono sbagliati. Evidentemente anche i Vangeli, in barba alla differenza più volte ribadita tra Antico e Nuovo Testamento (che doveva, in teoria, essere infallibile, immutabile, inderogabile etc.) vanno aggiornati ai tempi. Un po’ come certi software, i cui aggiornamenti automatici si divertono a volte a mettere in crisi il computer. Qui però, evidentemente, gli aggiornamenti sono rimasti in stand-by per un paio di millenni sino all’arrivo di Bergoglio, che chissà come è riuscito a mettersi di nuovo in comunicazione con il server del Padreterno.

cq5dam.web.800.800E i risultati si vedono e come! Mai la Chiesa è stata così di desiderosa di aggiornarsi, di correre incontro al mondo e di abbracciarlo: era dagli anni immediatamente successivi al Concilio Vaticano II, che nella logica di Bergoglio e dei suoi zelatori sembra ormai essere il nuovo vangelo (tra l’altro, in teoria dovrebbe essere un concilio pastorale e non dogmatico) che non si vedeva un simile sbracamento, anzi … stonacamento, con austeri porporati pronti a rottamare il retaggio di venti secoli in nome della pastorale. Insomma, lo spirito di Renzi è sbarcato anche Oltretevere e chissà che l’ilare pontefice argentino e il baldo ragazzotto di Rignano non decidano di scambiarsi, così per gioco, per qualche giorno i ruoli. Con Bergoglio premier avremmo sicuramente un bell’esecutivo di clandestini e con Renzi papa tutta uno schiera di allegre cardinalesse …..

In realtà, c’è poco da scherzare. Proprio negli stessi giorni in cui le “sentinelle in piedi “, fautrici di una civilissima e ordinata protesta contro lo sfascio della famiglia tradizionale, vengono allegramente sputacchiate, aggredite, picchiate e insultate dai soliti noti “democratici”, a cui si aggiungono più agguerrite che mai le associazioni LGBT (le stesse che, se solo veniva torto un capello a uno dei loro, strillavano al crimine contro l’umanità) il sinodo convocato da Francesco si accinge ad affrontare il tema della famiglia in toni quantomeno sconcertanti. Non solo: ma senza che da parte del Santo Padre o dagli alti papaveri a lui più proni si levi una sola parola di riprovazione e condanna per le ignobili violenze subite dalla sentinelle e osannate dai Saviano di turno. Pretendere anche una parola di solidarietà sarebbe evidentemente eccessivo, ma almeno una condanna della violenza? Va bene che Bergoglio disse che la Chiesa doveva essere un ospedale da campo, ma se si continua di questo passo la metafora rischia di trasformarsi in tragica realtà, soprattutto ora che sta spuntando l’equazione cattolico = fascista. La solita paroletta magica buona per tutti i tempi e tutte le stagioni, quando si vuol mettere a tacere qualcuno che rifiuta, nonostante tutto e tutti, di gettare coscienza e cervello all’ammasso.

Eppure almeno in una cosa questo papa è stato chiarissimo e coerente, sin troppo:” Non possiamo insistere solo sulle questioni legate ad aborto, matrimonio omosessuale e uso dei metodi contraccettivi. Questo non è possibile. Io non ho parlato molto di queste cose, e questo mi è stato rimproverato. Ma quando se ne parla, bisogna parlarne in un contesto. Il parere della Chiesa, del resto, lo si conosce, e io sono figlio della Chiesa, ma non è necessario parlarne in continuazione.” [1]

Parole che seguono quelle sulla Chiesa come “ospedale da campo”; e come spesso accade con Bergoglio, un misto di cose condivisibili ed altre quantomeno ambigue e sconcertanti.

Ovvio che la Chiesa non è e non deve essere solo etica e morale, che sono conseguenze del messaggio e della dottrina cristiana; ma siamo propri sicuri che il suo ruolo oggi come oggi sia soltanto quello di un qualsiasi ente assistenziale, una via di mezzo tra telefono amico e la pubblica assistenza? E’ proprio sicuro papa Francesco che oggi “non ci sia bisogno” di toccare certi tasti? L’esperienza quotidiana sembra indicare esattamente il contrario. Non serve essere dei Giovenale o dei bolsi parrucconi per constatare che oggi è in atto una vera e propria “mercificazione del corpo” che tende a farne esclusivamente un giocattolo. C’è chi parla di legalizzare la pedofilia e al Santo Padre sembra che si “ecceda” nel parlare di temi etici? Che poi in passato ci sia stato del fariseismo su queste come su altre questioni, non comporta certo che il problema non esista!

La stessa ambiguità di fondo è quella che caratterizza il sinodo aperto da pochi giorni, preceduto da un battage pubblicitario e mediatico quantomeno stomachevole per il modo semplicistico e distorto con cui le questioni vengono presentate. Sembra quasi che la Chiesa, in questi ultimi anni, non abbia fatto altro che perseguitare i divorziati risposati e chiederne la messa al rogo: e il bello è che questa ambiguità viene alimentata proprio da svariati porporati, per non dire lo stesso papa quando parla dei cattivi pastori che “caricano sulle spalle della gente pesi insopportabili che loro non muovono neppure con un dito”.[2] Altro discorso in sé e per sé ineccepibile, ma che detto in questo contesto assume un significato ambiguo e sconcertante. Quasi che la mancata somministrazione della comunione ai divorziati risposati fosse solo un problema di clero troppo zelante.

Perché il punto è questo: si può – e soprattutto in certi casi si deve – avere tutta la misericordia e la comprensione possibili verso certe tragiche situazioni familiari e relativi fallimenti, soprattutto verso chi è stato vittima dell’egoismo altrui. E’ ovvio e scontato che anche persone di questo genere debbano trovare accoglienza e un loro ruolo – se lo desiderano – all’interno della Chiesa e delle sue strutture; e non sembra francamente che anche in passato di solito così non sia stato. Se però si parla di sacramenti, e della comunione in particolare modo, il problema non è il clero ma Cristo stesso: a meno che Bergoglio non voglia comprendere anche lui tra i “cattivi maestri”. Sul problema del divorzio Cristo si è infatti espresso in termini talmente inequivocabili da lasciare in un primo momento allibiti gli stessi Apostoli. E questo dovrebbe chiudere definitivamente la questione, a meno che la Chiesa cattolica non decida, da ora in avanti, di mettere Bergoglio e il cardinal Kasper al posto del fondatore del cristianesimo!

Risibile, per non dire peggio, la capziosa distinzione che si vorrebbe introdurre, tra la Dottrina, immutabile e invariabile, e la “Pastorale” che dovrebbe essere poi il grimaldello con cui scardinarla: “La questione non è quella di cambiare la dottrina, ma di andare in profondità e far sì che la pastorale tenga conto delle situazioni e di ciò che per le persone è possibile fare”[3] ha dichiarato il papa. Ancora una volta, frase che – se letta in una certa ottica – può essere irreprensibile, ma che alla luce delle dichiarazioni del cardinale Kasper e di altri improvvisi apologeti della liberalizzazione dell’Eucarestia sembra una totale sconfessione del passato. E visto che, a proposito della fiera del luogocomunismo, qualche prelato ha scoperto che può esserci più “amore” in una coppia non sposata che in una famiglia “regolare”, chissà che tra un po’ non ci si ponga il problema della Comunione alle “famiglie” gay …

“ La dottrina non si tocca. Qui è in gioco la disciplina ecclesiastica, ossia l’applicazione dei princìpi. È su questo punto che serve una riforma per venire incontro a chi ha il cuore ferito” ha dichiarato Kasper in una recente intervista,[4] il che è più o meno come dire: la legge è legge, però si deve trovare un modo per aggirarla. Questa “dicotomia” tra dottrina e pastorale è la grande novità di questo pontificato; sicuramente potrebbe piacere a Gorgia, a Protagora e a tutta la schiera dei sofisti antichi e nuovi, ma cosa ha di cristiano? Sempre un certo Cristo disse “sia il tuo parlare sì sì no no …”. Con tutta la comprensione e l’empatia di questo mondo, dare la Comunione a un divorziato risposato significa sconfessare l’indissolubilità del matrimonio che – piaccia o meno – è un fondamento del cattolicesimo. Il “cuore ferito” va certamente soccorso, ma da quando l’Eucarestia è diventata un’aspirina? Questo poi non comporta che una persona del genere non possa essere migliore di tanti altri e “andare in paradiso” magari più velocemente di molti, ma questi per l’appunto sono affari del Padreterno, che per fortuna ne sa sempre più di noi; ma visto che certe regole ( ovviamente se si è credenti; ma se non lo si è che importanza ha l’Eucarestia?) è stato Lui a darle, compito nostro dovrebbe essere lasciare a Lui il giudizio, ma per quanto ci concerne seguirle.

E per concludere: se la Chiesa davvero vuole cambiare tutta la morale e l’etica Francesco dovrebbe allora chiedere al Padreterno un miracolo riparatore: già, perché tutti i milioni di persone che in questi duemila anni per rimanere fedeli ai principi etici della Chiesa si sono sottoposti a mortificazioni e rinunce, magari persino al martirio, hanno diritto a una “vita riparatrice” in cui poter far sesso con chi gli pare e quando gli pare. Magari con i preservativi distribuiti in parrocchia, insieme alla “Misericordina” e alla sorridente benedizione di Francesco.

© Totalità (11/10/2014)

Un pensiero riguardo “Dove va la Chiesa di papa Francesco? Avanti, clero, alla riscossa!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...