Se la chiarezza non ci viene anzitutto dal Papa, da chi mai dovrebbe arrivarci?

Dopo la pubblicazione su Civiltà Cattolica dell’incontro con i Superiori Generali degli Ordini religiosi. Per il Vicario di Cristo ho tutto il rispetto e l’amore filiale. Ma mi sento di pretendere da Lui (si, ho detto proprio “pretendere”) parole chiare, inequivoche, che possa anch’io capire al volo. Con le parole equivoche si è arrivati ad avere un Papa – e questo addolora tutti i cattolici – che è stato nominato “Uomo dell’anno” da una rivista americana che si fa portavoce degli invertiti

di Michele Majno (04/01/2014)

Queste non sono che due righe scritte con vero sconforto da un povero cattolico qualsiasi come il sottoscritto, che, anche per ragioni di età, era abituato al fatto che c’era una figura in cui riporre la propria fiducia, il prete, e che comunque, se questo prete era magari incapace, confuso, da Roma arrivava sempre il giudizio sicuro, la parola definitiva, che tranquillizzava il fedele e soprattutto lo confermava nel Magistero che da sempre la Chiesa aveva espresso. Tutto ciò rispondeva a un’esigenza non solo della vita spirituale, ma anche del banalissimo – ma tanto sano! – buon senso, perché la se la Chiesa è depositaria della Verità, da essa non possono che arrivare parole chiare, nette, a tutti comprensibili.

AP2535256_ArticoloOra, qualcuno mi sa dire, per favore, cosa significhi un’affermazione di questo tipo: “Le Coppie gay pongono sfide nuove, non diamo ai loro figli vaccini anti-fede”? Io, povero cattolico qualsiasi, stento a capirne il significato.

Naturalmente su affermazioni di questo genere la stampa si getta gioiosamente. Tanto per citare qualche testata, Il Messaggero, Il Sole 24ore, La Stampa, Tgcom24, e così via.

All’origine di questo tripudio, c’è la notizia sull’Avvenire, che rimanda a quanto pubblicato ieri da Civiltà Cattolica sull’incontro che il Papa ha tenuto nello scorso mese di novembre con 120 Superiori Generali dei vari ordini religiosi. Vado a vedere anche il testo di Civiltà Cattolica e non trovo conforto al mio smarrimento, tanto più quando mi capita di leggere che il concetto di “fraternità” viene associato a una strana comunità come quella di Taizè, dove “ci sono monaci cattolici, calvinisti, luterani… tutti vivono veramente una vita di fraternità”.

Ma allora fraternità vuol dire sincretismo? Con tutta la mia ignoranza in materia teologica, so per certo che Lutero era un eretico e che portò immensi danni, non solo alla Chiesa cattolica, ma allo stesso sviluppo della civiltà, proprio perché chi insegna il falso può portare solo danni.

Poi mi capita di leggere che i pilastri dell’educazione sono “trasmettere conoscenza, trasmettere modi di fare, trasmettere valori. Attraverso questi si trasmette la fede”. Qui mi domando: quale fede? La Fede cattolica, unica vera Fede? Ma allora, anzitutto il pilastro dell’educazione non dovrebbe consistere nel trasmettere la Parola di Verità, dalla quale discendono tutte le altre? O vogliamo solo fare un galateo?

E, perdonatemi, cosa vuol dire “Bisogna formare il cuore”, altrimenti si formano “piccoli mostri”?

Una cosa so per certo, come cattolico e come genitore: se da una parte si prende atto (e come si potrebbe non farlo?) del fatto che ormai esiste un grandissimo pasticcio, per cui le famiglie sane, normali, sono sempre di meno, e sempre più abbiamo giovani smarriti perché hanno perso proprio quella sicurezza che ha sempre dato la famiglia, d’altra parte non ho letto una parola contro gli aberranti progetti politici di disgregazione della famiglia.

Ho letto solo che dobbiamo trovare nuovi modi di approccio ai giovani che si trovano nel gorgo di pseudo-famiglie irregolari, per non dire di mostruosità come le unioni tra pervertiti o pervertite. “Dobbiamo trovare”, ma peraltro non si dice come. Di certo, altrettanto non si dice una parola di ammonimento a quei politici che si apprestano a dare alla già vacillante famiglia gli ultimi colpi di piccone, alla tremenda responsabilità che si assumono davanti a Dio e davanti agli uomini. Nulla, zero.

Di sicuro so che, cattolico e padre di famiglia, dovrò muovermi a tutela dei miei figli, avendo a mente la Tradizione e il Magistero della Chiesa, che in materia di morale familiare sono sempre stati chiarissimi.

Di sicuro ci sarà chi esprimerà il suo disappunto perché noi “non faremmo altro che criticare il Papa”. Nossignori. Questa non è una critica. È, ribadisco, lo sconforto di un cattolico che sempre meno trova nei Pastori una guida sicura e chiara. Mi interessa ben poco che domani qualche voce, ben più dotta della mia, mi spieghi che non ho capito niente e che in verità dove si diceva “A, B e C” si voleva dire in verità “X, Y e Z”.

Per il Vicario di Cristo ho tutto il rispetto e l’amore filiale. Ma mi sento di pretendere da Lui (si, ho detto proprio “pretendere”) parole chiare, inequivoche, che possa anch’io capire al volo. Con le parole equivoche si è arrivati ad avere un Papa – e questo addolora tutti i cattolici – che è stato nominato “Uomo dell’anno” da una rivista americana che si fa portavoce degli invertiti. Vi pare un bel risultato? Vi pare un bel risultato che un povero pervertito, quel tale Fabrizio Marrazzo, portavoce del “Gay Center” dica “Da Bergoglio viene ancora una volta una riflessione che contrasta la cultura figlia dell’omofobia. La sua è un’attenzione inedita per un pontefice a cui bisogna guardare con fiducia”?

Preghiamo per la Chiesa, preghiamo per il Santo Padre. Preghiamo per la nostra povera Italia, già centro della Cristianità, che si appresta a lanciarsi nel vuoto di leggi perverse senza che la voce dei Pastori si alzi, forte e chiara, a fermare questa rovina.

© RISCOSSA CRISTIANA

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...